Il ministro della Salute ha commentato anche i numeri della campagna vaccinale e le riaperture decise dal governo inglese.

“Le parole di prudenza dell’Oms sono quelle che ripeto da sempre: la pandemia non è finita, dobbiamo avere grande prudenza e attenzione, soprattutto per le varianti, che sono elementi di ulteriore preoccupazione in un quadro che va seguito con grande attenzione”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, a margine dell’Assemblea pubblica di Farmindustria 2021, commentando il richiamo alla prudenza in materia di coronavirus operato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

“C’è un quadro notevolmente migliore rispetto a quello che abbiamo conosciuto nei mesi precedenti, ma va tenuta alta la guardia – ha aggiunto, ricordando i dati della campagna vaccinale –. C’è un dibattito comprensibile, ma vanno guardati i numeri, giorno per giorno. E ogni giorno siamo sopra le 500mila dosi somministrate. Dobbiamo insistere su questa strada”.

E sulla decisione dell’Inghilterra di riaprire nonostante la variante Delta: “Noi abbiamo scelto una linea dal 26 di aprile. La nostra è una linea di gradualità e prudenza, del fare passo dopo passo con grandissima cautela. E questa linea ha portato i suoi frutti”.

Redazione Nurse Times

Avellino, asportati tumori in blocco e in sincrono da tre organi diversi
Dermopigmentazione: il TAR del Lazio attribuisce competenze infermieristiche anche alle estetiste
Coronavirus, ecco la causa dei rari casi di trombosi dopo il vaccino AstraZeneca
Coronavirus e viaggi: niente tampone o quarantena per bimbi sotto i 6 anni
Vaccini anti-Covid nelle comunità residenziali: priorità e modalità di implementazione ad interim nel nuovo rapporto Iss
L’articolo Coronavirus, Speranza condivide prudenza Oms: “La pandemia non è finita” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.