L’Organizzazione mondiale della sanità ha scelto un laboratorio olandese per il re-test.

I campioni di uno studio che suggeriscono la circolazione del coronavirus fuori dalla Cina nell’ottobre 2019 sono stati nuovamente testati su richiesta dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), come hanno affermato due scienziati che hanno guidato la ricerca italiana. C’è una crescente pressione internazionale per saperne di più sulle origini della pandemia che ha ucciso oltre 3 milioni di persone in tutto il mondo e il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha ordinato ai suoi aiutanti di trovare risposte.

Il Covid-19 è stato identificato per la prima volta nella città di Wuhan (Cina centrale) nel dicembre 2019, mentre il primo paziente italiano è stato rilevato il 21 febbraio dello scorso anno a Codogno (Lodi). Tuttavia uno studio pubblicato l’anno scorso ha suggerito che gli anticorpi contro il virus o una variante siano stati rilevati in Italia nel 2019. Ciò ha spinto i media statali cinesi a suggerire che il virus potrebbe non aver avuto origine in Cina, anche se i ricercatori italiani hanno sottolineato che i risultati hanno sollevato dubbi su quando il virus è emerso per la prima volta, piuttosto che su dove.

“L’Oms ci ha chiesto se potevamo condividere il materiale biologico e se potevamo ripetere i test in un laboratorio indipendente: abbiamo accettato”, ha detto Giovanni Apollone, direttore scientifico dell’Istituto Tumori di Milano. La richiesta dell’Oms non è stata precedentemente segnalata. “L’Oms è in contatto con i ricercatori che hanno pubblicato il documento originale – ha affermato un portavoce dell’Organizzazione –. È stata avviata una collaborazione con i laboratori partner per ulteriori test”. Lo stesso portavoce ha detto che l’Oms era consapevole che i ricercatori stanno pianificando di pubblicare un rapporto di follow-up “nel prossimo futuro”. E ha affermato che l’agenzia delle Nazioni Unite ha contattato tutti i ricercatori che hanno pubblicato o fornito informazioni sui campioni raccolti nel 2019 e risultati positivi, ma non hanno ancora un’interpretazione finale dei risultati.

I risultati dei ricercatori italiani, pubblicati dalla rivista scientifica dell’INT Tumori Journal, hanno mostrato anticorpi neutralizzanti contro SARS-CoV-2 nel sangue prelevato da volontari sani in Italia nell’ottobre 2019 durante uno studio di screening del cancro del polmone. La maggior parte dei volontari proveniva dalla Lombardia. “Nessuno degli studi pubblicati finora ha mai messo in dubbio l’origine geografica – ha detto Apollone a Reuters –. Il dubbio crescente è che il virus, probabilmente meno potente rispetto ai mesi successivi, circolasse in Cina molto prima dei casi segnalati”.

L’Oms ha scelto il laboratorio dell’Università Erasmo di Rotterdam per il re-test, ha detto Emanuele Montomoli, coautore dello studio originale e professore di Sanità pubblica al Dipartimento di Medicina molecolare dell’Università di Siena. L’Università Erasmus non ha risposto alle richieste di commento. I ricercatori italiani hanno inviato al team di Rotterdam 30 campioni biologici risultati positivi da ottobre a dicembre 2019, 30 campioni dello stesso periodo in cui erano risultati negativi e 30 campioni dal lontano 2018, negativi. “Li abbiamo inviati alla cieca, il che significa che i nostri colleghi non sapevano quali campioni erano positivi e quali negativi”, ha detto Apalone. “Hanno ricontrollato i nostri campioni con test commerciali, che sono molto meno sensibili di quelli che abbiamo ideato e convalidato”, ha detto Montomoli.

Nonostante le differenze tra i due metodi di rilevamento, entrambi gli scienziati italiani si sono detti soddisfatti dei risultati, consegnati loro a fine febbraio, aggiungendo di non poter commentare ulteriormente fino a quando il team di scienziati italiani e olandesi non avrà pubblicato le loro scoperte. “Nel nostro studio non abbiamo detto di poter stabilire senza dubbio che il coronavirus, successivamente sequenziato a Wuhan, circolava già in Italia a ottobre – ha detto Montomoli –. Abbiamo trovato solo la risposta al virus, ovvero gli anticorpi. Quindi possiamo dire che questo coronavirus o uno molto simile, forse una variante meno trasmissibile, circolava qui a ottobre”.

Redazione Nurse Times

L’articolo Coronavirus, quando è emerso per la prima volta in Italia? Oms chiede di ricontrollare scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.