L’accordo raggiunto con Medicines Patent Pool “contribuirà a creare un ampio accesso al medicinale in 105 Paesi a basso e medio reddito”.

Il gruppo farmaceutico americano Merck (Msd fuori da Usa e Canada) annuncia “un accordo di licenza volontario per favorire l’accesso globale a prezzi accessibili” a molnupiravir, la sua pillola sperimentale anti-Covid. In base a tale accordo la stessa Merck, la connazionale Ridgeback Botherapeutics e la Emory University di Atlanta non riceveranno royalty per le vendite del farmaco finché il coronavirus rimarrà classificato dall’Oms come un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale.

L’intesa è stata siglata con Medicines Patent Pool (Mpp), organizzazione sanitaria pubblica sostenuta dalle Nazioni Unite. Nelle intenzioni dei firmatari l’operazione “contribuirà a creare un ampio accesso a molnupiravir in 105 Paesi a basso e medio reddito”. Ciò dopo che sarà approvato il medicinale, che si è dimostrato in grado di dimezzare ricoveri e morti negli adulti con Covid da lieve a moderato ad alto rischio di progressione verso forme gravi.

Secondo i termini dell’intesa “Mpp, attraverso la licenza concessa da Merck sarà autorizzata a concedere ulteriori sublicenze non esclusive ad altri produttori” in grado di garantire i requisiti di qualità richiesti, dettaglia una nota. “Questo accordo, trasparente e orientato alla salute pubblica – afferma Charles Gore, direttore esecutivo Mpp – è la prima licenza volontaria Mpp per una tecnologia medica Covid-19, e speriamo sia di forte incoraggiamento per gli altri sviluppatori di trattamenti anti-Covid”.

“La missione di Merck di salvare e migliorare le vite è un impegno veramente globale – assicura Frank Clyburn, vicepresidente esecutivo e presidente Human Health di Merck –. L’accordo con Mpp è un altro elemento importante nella nostra strategia multiforme volta ad accelerare un accesso ampio e conveniente a molnupiravir per tutti i pazienti indipendentemente da dove vivano”.

“Siamo lieti di collaborare con Mpp per garantire che le versioni generiche di qualità garantita di molnupiravir possano essere sviluppate e distribuite rapidamente dopo l’autorizzazione normativa”, dichiara Wendy Holman, amministratore delegato di Ridgeback, evidenziando il valore della cooperazione contro sfide sanitarie internazionali come Covid-19.

Dalla Emory University – dove molnupiravir è stato inventato e quindi concesso in licenza dalla società di Ateneo Drive (Drug Innovation Ventures at Emory) a Ridgeback, che ha sua volta lo ha sviluppato insieme a Merck – il presidente Gregory L. Fenves auspica che “la licenza per molnupiravir a Mpp supporterà la salute pubblica globale e affronterà bisogni medici non soddisfatti, riflettendo la missione di Emory di servire l’umanità”. E aggiunge: “La ricerca innovativa e la collaborazione tra le organizzazioni sono state fondamentali nella lotta contro Covid-19”.

“Trattamenti orali efficaci, facili da somministrare e in grado di ridurre il rischio di progressione verso Covid grave – commenta Philippe Duneton, direttore esecutivo dell’iniziativa sanitaria globale Unitaid – possono essere uno strumento importante per aiutare a tenere sotto controllo la pandemia. Incoraggiamo ulteriori sforzi nella concessione di licenze volontarie, per garantire che le persone nei Paesi a basso e medio reddito possano accedere ai trattamenti Covid-19 una volta autorizzati dall’Oms o da un’autorità regolatoria rigorosa”.

Redazione Nurse Times

Medico sospeso in Trentino per presunte molestie sessuali nei confronti di infermiere
Ictus, l’Istituto Mario Negri punta alla ricerca di biomarcatori in grado di predire il rischio
Gastroprotettori e insorgenza di malattie: c’è una correlazione? Aigo fa chiarezza
Bassetti:”Scuole in sicurezza vaccinando i bambini tra i 5 e gli 11 anni”
Sanità, pediatri: quest’anno casi di virus sinciziale più gravi
L’articolo Coronavirus, Merck rinuncia alle royalty per le vendite del farmaco sperimentale molnupiravir scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.