Nota anche come Omicron BA.2.75, sembra caratterizzata da un’elevata trasmissibilità.

La sottovariante Omicron BA.2.75, ribattezzata Centaurus e rilevata per la prima volta in India a inizio maggio, preoccupa i virologi britannici perché sembra avere una trasmissibilità più elevata di Omicron 5. Dalla sua individuazione è stata registrata in una decina di Paesi, tra cui Regno Unito, Stati Uniti, Australia, Germania e Canada. L’Ecdc l’ha definita il 7 luglio come “variante da monitorare”.

Anche l’Oms sta monitorando Centaurus, ma a detta della dottoressa Soumya Swaminathan, capo dell’ufficio scientifico, non ci sono ancora prove sufficienti per valutarne la gravità. Dalle prime rilevazioni, Centaurus potrebbe “essere più trasmissibile o associata a malattie più gravi, ma i dati su questo fronte sono ancora deboli”. Come riporta il Guardian, i virologi sono stati allertati dal numero di mutazioni extra contenute in BA.2.75 rispetto a BA.2, “da cui è probabile che si sia evoluta”.

“E’ difficile prevedere l’effetto di tante mutazioni che appaiono in simultanea – ha detto Tom Peacock, virologo dell’Imperial College di Londra che per primo ha identificato Omicron come minaccia a novembre dello scorso anno –. Di sicuro la diffusione della nuova sub-variante conferisce al virus un ‘carattere jolly’, in cui la somma delle diverse tipologie virali potrebbe essere peggiore delle stesse prese individualmente”.

Redazione Nurse Times

Esami del sangue per la Tiroide: TSH, FT3, FT4, Tireoglobulina (anti-TG), Tireoperossidasi (TPO)
NECPAL CCOMS-ICO: strumento per identificare le persone con patologie croniche in fase avanzata terminale che necessitano di cure palliative
Brasile, non assiste alla nascita del figlio: aggredisce ginecologo e tre infermiere
Trieste, bimba dimessa dopo l’applicazione di un sondino gastrico. Madre accusava l’ospedale di averle perforato un polmone
Brasile, abusi su paziente incinta: arrestato anestesista
L’articolo Coronavirus, la sottovariante Centaurus preoccupa i virologi britannici scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.