Secondo gli esperti, si tratta comunque di una possibilità piuttosto remota.

Documentato il primo caso di trasmissione del virus SarsCoV2 da un gatto a un essere umano. E’ successo nel sud della Thailandia, dove il felino di una famiglia positiva al Covid avrebbe contagiato la veterinaria starnutendole in faccia. La conferma è arrivata dallo studio dei genomi virali, pubblicato su Emerging Infectious Diseases dai ricercatori della Prince of Songkla University.

Fin dai primi mesi della pandemia era noto che i gatti potessero essere contagiati dagli umani, senza sviluppare gravi sintomi. Finora, però, non era stato mai dimostrato che il contagio potesse venire anche nel senso opposto, cioè dall’animale all’uomo. “Sapevamo da due anni che era una delle possibilità”, commenta Angela Bosco-Lauth, esperta di malattie infettive della Colorado State University, sulla rivista Nature.

Considerando la grande diffusione dei gatti come animali domestici, il fatto che ci sia voluto così tanto tempo per dimostrare questa eventualità potrebbe significare che il contagio da gatto a uomo non è poi così comune. Secondo gli esperti, non c’è al momento alcun tipo di allarme, perché è ancora più probabile che il virus passi dall’uomo all’animale.

Redazione Nurse Times

Ricercatori italiani scoprono nuovi marcatori utili a seguire una forma di leucemia rara
In aereo con i bambini: i consigli dei pediatri per un viaggio in sicurezza
Alopecia androgenetica, scoperta molecola che fa ricrescere i capelli
Un piccolo cuore di 60 grammi trasportato a temperatura controllata salva la vita di un bimbo 
Dolore acuto, un mini-dispositivo impiantabile raffredda i nervi ed evita il ricorso ai farmaci
L’articolo Coronavirus, in Thailandia il primo caso documentato di trasmissione da gatto a essere umano scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.