Una tendenza che riguarda anche i test negativi si sviluppa soprattutto con i canali di comunicazione su Telegram.

Da quando il presidente Emmanuel Macron ha annunciato che in Francia, per accedere a ristoranti, cinema o eventi sportivi e culturali, saranno obbligatori il certificato di vaccinazione o un test negativo, sono in crescita le domande di certificati falsi e test negativi. Lo sostiene la società di sicurezza Check Point Software Technologies, secondo la quale l’aumento è di circa il 5000%. Tale tendenza, spiegano gli esperti, è una diretta conseguenza del dibattito sull’introduzione di regole simili in diversi Paesi, Italia compresa.

Hacker e i truffatori stanno dunqiue cercando di approfittare della situazione. Per l’azienda di cybersicurezza israeliana, inoltre, sono diverse le tendenze che si stanno delineando. La prima è rappresentata da “un numero crescente di canali di comunicazione su Telegram che offrono falsi certificati di vaccinazione e test negativi per il coronavirus”. Cresce, poi, “drammaticamente” il numero di utenti che si uniscono a gruppi con test e certificati fraudolenti”. Da poche centinaia di utenti, sono ora migliaia le persone a essere in gruppi simili. Un gruppo francese, per esempio, ha già più di 7mila utenti.

Redazione Nurse Times

Vaccini anti-Covid, niente tracce nel latte materno: lo studio Usa
Coronavirus, il punto sulla variante Delta: età media, efficacia dei vaccini e sintomi
Obbligo vaccinale per il personale sanitario e Green Pass: come ci si regola all’estero?
Coronavirus, soldi in cambio di certificato vaccinale: medico indagato dai Nas di Treviso
Coronavirus, in forte crescita la richiesta di Green Pass falsi
L’articolo Coronavirus, in forte crescita la richiesta di Green Pass falsi scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.