Riceviamo e volentieri pubblichiamo la testimonianza di una collega in servizio nel reparto di Terapia semintensiva a Vercelli.

In questi giorni ho assistito a un episodio che ho raccontato a poche persone, vista la situazione e vista anche la delicatezza. Giornata di lavoro normale, iniziamo la terapia con altre mie colleghe: due colleghe nella zona “sporca” e due nella zona “pulita”.

Io ero nella zona “sporca”, quindi tutta bardata. Inizio a fare terapia nelle varie stanze, a controllare monitor, respiratori, cateteri, parametri, caschi… Arriva una nostra collega da un altro reparto e mi dà alcune foto plastificate (perché le cose nella zona “sporca” devono essere in un certo modo e devono restare sempre in quella zona) per un nostro paziente. Gliele mandava la figlia, insieme ai nipotini.

Sono entrata in camera, sempre insieme alla mia collega, e abbiamo chiesto al nostro paziente se volesse vederle insieme a noi. Ha detto di sì. Erano foto, bellissime, che ritraevano lui, i nipotini, la figlia. La reazione potete immaginarla. Noi siamo rimaste in silenzio, sprofondando in un vortice che solo chi è dentro può capire.

Ci sono cose che non si possono spiegare a parole. E a volte i nostri occhi, gli unici scoperti da quell’armatura adottata contro il Covid, riescono a esprimere tutto. Ogni tanto mi fermo a riflettere, e penso che non ci sia lavoro migliore del nostro. Ed è bellissimo come noi tutti infermieri d’Italia ci stiamo mobilitando sui social per esprimere un’opinione, parlare di disagi, felicità, tristezze.

Isabel Francesca Gallo

Aggiornamenti in tempo reale sull’epidemia in Italia

Aiutateci ad aiutarvi

L’articolo Coronavirus, il pensiero di un’infermiera: “Non c’è lavoro migliore del nostro”. scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.