Drastica decisione del governo di Atene per far fronte all’escalation di ricoveri.

Il governo greco ha approntato un piano straordinario per dare sostegno agli ospedali che stanno affrontando l’escalation di ricoveri per coronavirus, iniziando a precettare i medici privati. Ne servono subito 150 per reggere l’urto della quarta ondata della pandemia e quelli che non si presentano rischiano fino a tre anni di carcere.

La decisione delle autorità di Atene arriva dopo che già all’inizio di novembre era stato rivolto un appello ai medici privati affinché si presentassero volontariamente per dare sostegno al sistema ospedaliero pubblico. Ma solo 40 camici bianchi finora si erano resi disponibili.

Intanto i cittadini greci dicono di essere sempre più frustrati per le restrizioni legate al contrasto della pandemia e insoddisfatti dei risultati raggiunti dal loro governo. La percentuale di chi ritiene che il Paese stia gestendo bene la situazione è infatti passata dal 72% del 2020 al 42% attuale. Una tendenza questa, condivisa con altri Paesi europei. Ad esempio in Germania si è passati dal 67 al 44%, in Italia dal 58 al 48%.

Redazione Nurse Times

Coronavirus, ecco le prime indicazioni dell’Ema sull’uso di molnupiravir
Aumenti della quota FNOPI per gli Infermieri? Nelle altre Federazioni stop agli aumenti!
Coronavirus, “Variante Delta plus 50 volte più forte del ceppo originario”
Mieloma multiplo: nuove speranze dal trapianto autologo di cellule staminali
Coronavirus, Grecia precetta medici privati per gli ospedali pubblici: rischio carcere per chi non si presenta
L’articolo Coronavirus, Grecia precetta medici privati per gli ospedali pubblici: rischio carcere per chi non si presenta scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.