Comirnaty Original / Omicron BA.1 e Spikevax Bivalent Original / Omicron BA.1 espandono l’immunità alle ultime varianti e sono consigliati per le persone più a rischio di progredire verso una malattia grave per determinati fattori di rischio: over 60, immunocompromessi, altri soggetti vulnerabili (a partire dai 12 anni di età), donne in gravidanza.

L’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha dato via libera ai vaccini anti-Covid adattati contro la variante Omicron 1 del coronavirus dopo che l’Unione Europea ha ampliato il suo arsenale con i nuovi Comirnaty Original / Omicron BA.1 e Spikevax Bivalent Original / Omicron BA.1. Le due formulazioni bivalenti per l’uso come dose di richiamo, recentemente raccomandate per l’approvazione dall’Ema, espandono l’immunità rispetto alle varianti di interesse, in particolare Omicron e sottolinee correlate. Esporre il sistema immunitario alle versioni contemporanee del virus in modo che apprenda e riconosca le varianti successive è la chiave per costruire una risposta immunitaria più ampia.

Uso raccomandato di booster adattati – Sebbene questi primi due vaccini adattati siano autorizzati per l’uso in persone di età pari o superiore a 12 anni, che hanno ricevuto almeno la vaccinazione primaria contro il Covid-19, l’Ecdc e l’Ema consigliano che questi richiami siano diretti in via prioritaria alle persone più a rischio di progredire verso una malattia grave a causa di determinati fattori di rischio. Ciò include le persone di età pari o superiore a 60 anni, gli immunocompromessi, altre persone vulnerabili (a partire dai 12 anni di età) con condizioni di base che le mettono a rischio maggiore di Covid-19 grave, donne in gravidanza. Inoltre dovrebbe essere data priorità ai residenti e al personale delle case di cura a lungo termine. Gli operatori sanitari possono anche essere presi in considerazione a causa della loro maggiore esposizione in caso di future nuove ondate di SARS-CoV-2 e del loro ruolo chiave per il buon funzionamento dei sistemi sanitari.

Tutti gli altri soggetti, sopra i 12 anni di età, “possono comunque vaccinarsi con la dose booster su consiglio del medico o come scelta individuale”, afferma la Comitato tecnico scientifico dell’Aifa. I booster con i vaccini aggiornati contro la variante Omicron potranno essere somministrati, secondo il Cts, dopo tre mesi dal ciclo primario.

Emer Cooke, direttore esecutivo dell’Ema, ha dichiarato: “L’autorizzazione dei primi due vaccini adattati è un passo importante nella nostra lotta in corso contro la pandemia. Abbiamo un virus che si evolve rapidamente e in modo imprevedibile. È importante che l’UE disponga di un’ampia gamma di vaccini aggiornati rispetto a la loro composizione, in modo che gli Stati membri abbiano più opzioni per soddisfare le loro esigenze quando progettano le loro strategie di vaccinazione. Le autorità sanitarie dell’UE hanno fatto tutto il possibile affinché le persone venissero vaccinate”.

Andrea Ammon, direttore dell’Ecdc, ha ribadito l’importanza dei vaccini nella lotta contro la pandemia: “Con i vaccini Covid-19 adattati di recente autorizzazione gli Stati membri avranno ora una gamma più ampia di scelte per lanciare campagne di immunizzazione autunno/inverno contro il Covid-19 volte a proteggere i gruppi più vulnerabili e rafforzare la loro immunità contro le varianti emergenti più recenti. i nuovi vaccini sono attualmente approvati per l’uso solo come dosi di richiamo, quelli originali rimangono essenziali per aumentare la copertura vaccinale con una serie primaria tra i soggetti non vaccinati per colmare le lacune vaccinali”.

Programma vaccinale autunnale – La vaccinazione tempestiva e l’impiego di booster prima di una potenziale ondata autunnale e invernale di casi di Covid-19 è essenziale per proteggere le persone e impedire che i sistemi sanitari siano sopraffatti. Si consiglia alle persone idonee che non hanno ancora avuto la vaccinazione Covid-19 o che non hanno ricevuto alcuna dose di richiamo di farsi avanti per la vaccinazione, come raccomandato nei loro Paesi.

I vaccini adattati recentemente autorizzati sono approvati per l’uso solo come dosi di richiamo in individui che hanno completato almeno una serie primaria (vaccinazione iniziale), indipendentemente dai vaccini utilizzati in quel momento. I vaccini originali Covid-19 continuano a fornire protezione contro malattie gravi, ospedalizzazione e morte, e dovrebbero essere utilizzati per le vaccinazioni primarie ed essere presi in considerazione per dosi di richiamo quando non sono ancora disponibili vaccini più recenti.

Vaccini adattati al futuro – Ulteriori adattamenti della composizione dei vaccini Covid-19 sono inevitabili per affrontare le varianti circolanti esistenti e future. Dati preliminari indicano che la risposta immunitaria indotta dai vaccini adattati BA.1 approvati va oltre i ceppi selezionati e copre altre sottovarianti di Omicron, come BA.2, BA.2.75 e BA.5.

Oltre ai due vaccini adattati autorizzati destinati alla sottovariante Omicron BA.1 e al ceppo originale di SARS-CoV-2, l’Ema sta valutando un vaccino adattato corrispondente al ceppo originale e alle sottovarianti Omicron BA.4 e BA.5. Ci sono anche revisioni in corso per i vaccini, incluso il ceppo Beta del virus. Se autorizzati, questi vaccini estenderanno ulteriormente le opzioni per le vaccinazioni.

Fattori da considerare nelle campagne vaccinali – Le autorità nazionali dell’Ue prendono le decisioni finali sull’introduzione dei vaccini, comprese le dosi di richiamo e il tipo di vaccini, tenendo conto di fattori quali la diffusione dell’infezione, l’impatto del Covid-19 su diverse popolazioni e l’emergere di nuove varianti. Questi elementi determineranno quali vaccini le persone riceveranno e quando, in base al loro livello di rischio e alla situazione epidemiologica. L’Ecdc e l’Ema continueranno a valutare da vicino l’efficacia e i dati epidemiologici dei vaccini emergenti e aggiorneranno di conseguenza le loro raccomandazioni.

Redazione Nurse Times

Gliomi e telefonini, studio scandinavo esclude legami
Medico lascia il posto fisso per lavorare a gettone: “L’ho fatto perché…”
Coronavirus, Ema raccomanda due nuovi vaccini adattati come dose di richiamo: via libera dell’Aifa
“L’infermiere che non monitora le funzioni vitali del paziente (deceduto) dopo un intervento risponde di omicidio colposo”: la sentenza della Cassazione
Infermiere aggredite e molestate sul lavoro, De Palma (Nursing Up): “Fenomeno drammatico, spesso sommerso”
L’articolo Coronavirus, Ema raccomanda due nuovi vaccini adattati come dose di richiamo: via libera dell’Aifa scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.