Lo dimostra uno studio condotto dai ricercatori del Mount Sinai Hospital.

L’elettrocardiogramma può prevedere l’evoluzione grave coronavirus nei pazienti ospedalizzati. Lo dimostra uno studio condotto dai ricercatori del Mount Sinai Hospital di New York su 140 pazienti ricoverati per le complicanze dell’infezione da Sars-CoV-2 e pubblicato sull’American Journal of Cardiology.

Gli autrori hanno confrontato un elettrocardiogramma effettuato al momento del ricovero con uno precedente all’infezione. I due esami sono stati poi messi a confronto con un Ecg eseguito alcuni giorni dopo il ricovero. È emerso che circa due giorni prima di un aggravamento il tracciato mostra modifiche significative.

“Il nostro studio – spiega Joshua Lampert, coordinatore del lavoro – mostra che un restringimento delle onde del tracciato dell’elettrocardiogramma durante il Covid-19 può essere uno strumento importante per i medici, consentendo di anticipare cambiamenti clinici e intervenire più rapidamente. L’Ecg potrebbe essere utile da usare negli ospedali prima che le condizioni dei pazienti peggiorino. Questo è particolarmente utile in caso di saturazione delle strutture, perché un Ecg, a differenza degli esami del sangue, dà un responso immediato e può essere eseguito da tutto il personale sanitario”.

Redazione Nurse Times

Medicina della riproduzione: effetti positivi del resveratrolo nel trattamento dell’infertilità
Lettera Aperta a Massimiliano Fedriga, Presidente della Conferenza delle Regioni: “Ci vuole coerenza tra PNRR e Accordo Collettivo Nazionale della Medicina Generale!”
Ictus, un piccolo scanner CT su ambulanze ed elisoccorso per agevolare la diagnosi rapida
Coronavirus, Ecg può prevedere evoluzione grave
Reperibilità e orario di lavoro: facciamo chiarezza
L’articolo Coronavirus, Ecg può prevedere evoluzione grave scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.