Il direttore esecutivo dell’Agenzia europea per i medicinali rassicura sull’efficacia dei sieri anti-Covid.

“La variante Delta è diventata ciò che tutti speravamo non diventasse, cioè la mutazione del coronavirus dominante nel continente europeo. Ma i vaccini anti-Covid approvati restano efficaci. C’è una certa riduzione, ma non è significativa”. Così Emer Cooke, direttore esecutivo dell’Agenzia europea per i medicinali (Ema), su Politico.eu.

L’esperta parla anche della terza dose di vaccino, su cui il dibattito è ancora aperto, mentre alcuni Paesi, tra cui la Germania, hanno già deciso di intraprendere questa strada, sebbene partendo da alcuni gruppi specifici di popolazione. “Al momento – ha precisato Cooke – non ci sono dati sufficienti per indicare che sia necessario un altro richiamo”.

Si monitora dunque la situazione con il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), e l’Ema è in contatto costante con le aziende sul nodo dei numeri di dosi disponibili qualora dovesse rivelarsi necessario un altro richiamo. “Per alcune popolazioni – conclude Cooke – si potrebbe iniziare a vederne la necessità. Il che non significa che ce ne sia bisogno universalmente in tutta la popolazione”.

Redazione Nurse Times

Tecnologia mRNA, non solo vaccino anti-Covid: Moderna vuole estenderla alla cura del cancro
OSS, Terni: rifiuta il vaccino, il giudice rigetta il ricorso
Green Pass: esenzione per i non vaccinabili?
Ipotensione: cause e rimedi
Coronavirus, Cooke (Ema): “Presto per dire se servirà terza dose di vaccino”
L’articolo Coronavirus, Cooke (Ema): “Presto per dire se servirà terza dose di vaccino” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.