Dovrà essere somministrata preferibilmente entro sei mesi dalla stessa e comunque non oltre dodici mesi dalla guarigione. Lo stabilisce una circolare del ministero.

Secondo la nuova circolare diffusa dal ministero della Salute, nei soggetti con pregressa infezione da coronavirus, decorsa in maniera sintomatica o asintomatica, basterà una singola dose di vaccino, che dovrà essere somministrata preferibilmente entro sei mesi dalla stessa e comunque non oltre dodici mesi dalla guarigione.

Per i soggetti con condizioni di immunodeficienza, primitiva o secondaria a trattamenti farmacologici, in caso di pregressa infezione da Sars-CoV-2, resta valida la raccomandazione di proseguire con la schedula vaccinale completa prevista. Si torna infine a ribadire che, come da indicazioni dell’Oms, l’esecuzione di test sierologici volti a individuare la risposta anticorpale nei confronti del virus non è raccomandata ai fini del processo decisionale vaccinale.

Redazione Nurse Times

Coronavirus, i sanitari no vax adducono le motivazioni più fantasiose per sottrarsi all’obbligo vaccinale
Siracusa, scandalo false pensioni di invalidità: chiesto rinvio a giudizio per 63 indagati
Coronavirus, ipotesi Green Pass obbligatorio per parlamentari non piace a Fico
Treviso, sanitari no vax al contrattacco: presidente Opi presa di mira per le sospensioni
Coronavirus, avanti tutta con le sospensioni dei sanitari non vaccinati in Friuli Venezia Giulia
L’articolo Coronavirus, basta una singola dose di vaccino in caso di pregressa infezione scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.