Aziende sanitarie e Ordini professionali stanno prendendo provvedimenti nei confronti di medici e infermieri che non ottemperano all’obbligo vaccinale.

Proseguono le sospensioni dei sanitari non vaccinati contro il coronavirus a opera delle aziende sanitarie e degli Ordini professionali del Friuli Venezia Giulia. Solo nella giornata di lunedì 19 luglio Opi Pordenone ha sospeso oltre 70 infermieri che non hanno ancora ottemperato all’obbligo vaccinale: non potranno lavorare finché non decideranno di cambieranno idea o non addurranno validi motivi per il rifiuto.

Nel frattempo anche l’Ordine dei medici della provincia di Udine ha fatto sapere di aver ricevuto la lettera con nomi e cognomi dei sanitari professionisti non vaccinati e per i quali sono state avviate le procedure di sospensione. E nell’azienda Asufc il direttore generale Denis Caporale ha confermato di aver fatto spedire oltre mille lettere agli operatori sanitari non vaccinati quale ultimo avviso prima della sospensione.

Redazione Nurse Times

Coronavirus, i sanitari no vax adducono le motivazioni più fantasiose per sottrarsi all’obbligo vaccinale
Siracusa, scandalo false pensioni di invalidità: chiesto rinvio a giudizio per 63 indagati
Coronavirus, ipotesi Green Pass obbligatorio per parlamentari non piace a Fico
Treviso, sanitari no vax al contrattacco: presidente Opi presa di mira per le sospensioni
Coronavirus, avanti tutta con le sospensioni dei sanitari non vaccinati in Friuli Venezia Giulia
L’articolo Coronavirus, avanti tutta con le sospensioni dei sanitari non vaccinati in Friuli Venezia Giulia scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.