Altra brutta notizia per il siero anti-Covid di Johnson & Johnson, non troppo amato negli Usa.

Come riporta il New York Times, la Food and Drug Administration (Fda) vuole allertare sui possibili rischi neurologici legati al vaccino anti-Covid di Johnson & Johnson, la cui somministrazione, in particolare, comporterebbe un aumento del rischio di contrarre la rara sindrome di Guillain-Barrè, nota anche come paralisi di Landry.

Sebbene gli studi abbiano stabilito che le probabilità di sviluppare questa malattia, che si manifesta con una paralisi progressiva degli arti (prima le gambe, poi le braccia), siano molto basse, l’allerta diffusa dalla Fda rappresenta un’altra brutta notizia per un vaccino che negli Stati Uniti non gode di grande popolarità. Tra i casi studiati, quello di un 57enne del Delaware che negli ultimi quattro anni aveva avuto un infarto, morto ad aprile dopo aver ricevuto il vaccino J&J e aver poi sviluppato la sindrome Guillain-Barrè.

Redazione Nurse Times

Coronavirus, Israele opta per terza dose di vaccino Pfizer a immunodepressi
Coronavirus, aumentano casi di variante Delta in Europa: pericolo tifosi e turisti
Coronavirus, nuovi dati confermano efficacia del vaccino ReiThera
Coronavirus, allarme Fda: “Vaccino J&J aumenta rischio di contrarre sindrome di Guillain-Barrè”
Liste d’attesa, arriva punto d’ascolto per over 60
L’articolo Coronavirus, allarme Fda: “Vaccino J&J aumenta rischio di contrarre sindrome di Guillain-Barrè” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.