Di seguito il messaggio con cui l’Ordine provinciale degli infermieri ha elogiato l’iniziativa, annunciando il proprio contributo.

Sono giorni molto difficili, quelli che si vivono nelle strutture sanitarie, e questo è ormai noto. Sono tanti i gesti di sostegno, di stima, di ringraziamento che i sanitari ricevono e che sono un vero aiuto e sostegno, morale e anche materiale. Oggi sono giunte al Sant’Andrea, grazie alla Caritas e a don Luca Palei (foto), le tradizionali uova di cioccolata che Ail (Associazione italiana leucemie) vende ogni anno per Pasqua, per sostenere la ricerca in un settore molto difficile e complesso, come è quello dei tumori delle cellule del sangue.

Per i noti motivi, quest’anno Ail non può farlo. Caritas diocesana La Spezia ha deciso di contribuire e acquistare una parte del prodotto pronto, e in questi giorni consegna le uova ai sanitari coinvolti nella lotta alla pandemia. Don Luca ha anche benedetto i presenti, rimarcando l’impegno di tutti coloro che, con varie responsabilità, oggi sono in prima linea in questo sforzo importantissimo.

Oggi, dunque, al Sant’Andrea, sono molti gli infermieri raggiunti da questo regalo e da questa attenzione. Per questo, colpiti dalla sensibilità del gesto, abbiamo deciso, come Ordine degli infermieri – Opi spezzino, di contribuire con 500 euro alla ricerca di Ail, consapevoli delle difficoltà di tutti, in questi giorni drammatici, per ringraziare del gesto di… dolce generosità.

Grazie, di cuore, a tutti coloro che comprendono lo sforzo, l’impegno e la lotta di molte persone che, contrariamente a quanto viene (giustamente) ricordato ai cittadini, non possono restare in casa, e devono ogni giorno trovare energie nuove per procedere su questa strada difficile.

Redazione Nurse Times

Aggiornamenti in tempo reale sull’epidemia in Italia

Aiutateci ad aiutarvi

L’articolo Coronavirus, al Sant’Andrea di La Spezia arrivano le uova Ail: l’Opi ringrazia la Caritas e dona 500 euro alla ricerca. scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.