I risultati di una revisione sistematica e di una meta-analisi pubblicata su The Lancet hanno dimostrato che dall’introduzione dei vaccini contro il papillomavirus umano (HPV), la prevalenza di infezioni genitali da HPV, le diagnosi di verruche ano genitali e la conferma istologica di neoplasie intraepiteliali cervicali di grado 2+ (CIN2+) sono tutte diminuite significativamente.