VERVE-101, terapia per i pazienti affetti da ipercolesterolemia familiare eterozigote, sembra in grado di disattivare in modo permanente il gene PCSK9 nel fegato.

La biotech americana Verve Therapeutics ha annunciato che è stato trattato il primo paziente nello studio di fase Ib heart-1 che studia VERVE-101 come terapia per i pazienti affetti da ipercolesterolemia familiare eterozigote (HeFH). Il farmaco sperimentale è progettato per disattivare in modo permanente il gene PCSK9 nel fegato e ridurre il colesterolo delle lipoproteine a bassa densità (LDL-C).

A differenza di altri programmi di editing genico CRISPR attualmente testati in clinica, l’editing delle basi non taglia il Dna. Si tratta piuttosto di un processo chimico che modifica una lettera specifica del gene. Sebbene l’attuale generazione di base editor utilizzi una guida CRISPR, è possibile che quelle future sfruttino modi diversi per arrivare al punto preciso del genoma in cui è necessaria una modifica.

“Il dosaggio del primo essere umano con un farmaco sperimentale per l’editing genico rappresenta un risultato significativo per questo settore”, ha dichiarato Sekar Kathiresan, Ceo di Verve, aggiungendo che i dati preclinici suggeriscono che VERVE-101 può offrire “una soluzione terapeutica a ciclo unico e per tutta la vita”.

Il primo studio sull’uomo, denominato heart-1, prevede l’arruolamento di circa 40 pazienti adulti con malattia cardiovascolare aterosclerotica conclamata. Sarà dapprima somministrata una singola dose ascendente, seguita da una coorte di espansione che riceverà la dose ottimizzata e da un gruppo opzionale di seconda dose per coloro che hanno ricevuto una dose inferiore nella prima parte dello studio.

Il reclutamento dei partecipanti è attualmente in corso in Nuova Zelanda, ma lo studio potrebbe essere esteso al Regno Unito e agli Stati Uniti nella seconda metà dell’anno. Verve ha dichiarato che i dati intermedi, compresi i parametri di sicurezza, il livello di PCSK9 nel sangue e il livello di LDL-C nel sangue, sono attesi per il 2023.

“Con l’attuale terapia standard per l’HeFH, meno del 20% dei pazienti raggiunge i livelli obiettivo di LDL-C a causa dei limiti del modello cronico, che richiede una rigorosa aderenza del paziente, un accesso regolare all’assistenza sanitaria e un’ampia infrastruttura sanitaria”, ha dichiarato Andrew Bellinger, Chief Scientific and Medical Officer di Verve. I primi dati sulla sicurezza, sui livelli di PCSK9 e sulla riduzione di LDL-C sono attesi per il 2023.

Verve sta inoltre lavorando all’avvio di studi nel Regno Unito e negli Stati Uniti. La biotech è stata lanciata nel 2019, raccogliendo 58,5 milioni di dollari, con l’obiettivo di sviluppare terapie basate sulla tecnologia CRISPR in grado di modificare il genoma umano adulto per ridurre in modo permanente il rischio di malattia coronarica.

Redazione Nurse Times

Fonte: PharmaStar

Il dott. Lattanzi presenta la tesi infermieristica “Nuova chiave di lettura delle cure territoriali: il Chronic Care Model”
Arriva la pillola “anti-sbornia”: scorte subito esaurite nel Regno Unito
Laureati delle Professioni sanitarie: occupazione in aumento del 2,6% fra l’anno 2020 e il 2019, e sempre primi in classifica
Degenerazione maculare, faricimab migliora la vista con meno iniezioni 
Colesterolo, promette bene il farmaco sperimentale di Verve Therapeutics
L’articolo Colesterolo, promette bene il farmaco sperimentale di Verve Therapeutics scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.