Gentile Direttore di NurseTimes,

seguo con molto interesse il suo giornale e la ringrazio a nome di tutti gli infermieri italiani per tutte le informazioni che ci fornite, raccontando sempre la verità senza timore o sudditanza verso i poteri forti, cosa rara nel panorama dell’attuale informazione infermieristica.

Leggo con stupore la decisione degli Opi e Fnopi che in accordo con la regione Veneto, formano una figura professionale che è un ibrido dell’infermiere.

Mi sono più volte chiesta quali fossero i motivi che hanno spinto gli ordini del Veneto e la nostra Federazione Nazionale e non è ho trovato uno che fosse intellettualmente valido. Assegnare competenze agli Oss con funzione complementare, significa anche trasferire le responsabilità agli infermieri che dovrebbero “supervisionare e coadiuvare” il loro operato.

Il rapporto OSS-infermiere può essere definito quasi come di subordinazione, nel senso che l’OSS può vedersi assegnare dalla delibera del Veneto n. 305 prima e 597 poi, ma l’infermiere, mantiene l’obbligo di supervisione e la responsabilità (cosiddetta “colpa in vigilando”).

All’infermiere si possono attribuire una serie di colpe nella gestione del suo rapporto con l’oss:

CULPA IN ELIGENDOLa colpa in eligendo è la colpa consistente nella cattiva scelta del soggetto a cui affidare/assegnare/attribuire i compiti.Se dal comportamento dell’operatore di supporto dovesse derivare un eventuale danno al paziente, all’infermiere potrà essere mosso un addebito di colpa per aver errato nella scelta della persona affidataria dell’incarico.CULPA IN VIGILANDOL’infermiere potrà essere in colpa se omette di esercitare quelle verifiche doverose che sarebbero risultate idonee a impedire il verificarsi di eventi dannosi per il paziente.E allora perchè gli infermieri dovrebbero accettare questa ulteriore responsabilità?

Questa decisione calata dall’alto dalla nostra FNOPI e dagli Opi arriva proprio nel momento in cui sono in corso gli “Stati Generali” della professione. Quanti sono gli infermieri disposti a questo?

Nel vostro precedente articolo leggevo che la formazione verrà totalmente assegnata agli infermieri. Bene, ma siamo certi che governare il sistema formativo sia la decisione più giusta? O forse dovremmo contrastare la nascita di questa nuova figura come tra l’altro avevano fatto attraverso l’impugnazione al TAR della delibera 305 numerosi ordini infermieristici e la stessa Fnopi?

Perchè invece non si è puntato all’abolizione dell’odioso vincolo di esclusività che avrebbe comunque consentito a tantissimi infermieri di poter esercitare in quelle strutture private che oggi spingono verso una soluzione che danneggia e umilia, a mio avviso, tutti gli infermieri italiani?

Promuovere competenze avanzate per altre figure professionali mentre gli infermieri attendono da 16 anni l’attuazione della legge 43 del 2006 (art. 6) le competenze specialistiche.

Sono tutte domande che, purtroppo, trovano risposta nei fatti.

Io credo che questa decisone allontana sempre di più la base degli infermieri, quelli che pagano la quota, dai loro rappresentanti ordinistici.

P:S.: ringraziamo Chiara C. per aver espresso il proprio pensiero. La nostra redazione offrirà questo spazio a tutti coloro che lo desiderano. Inviateci il vostro parere a redazione@nursetimes.org

Redazione NurseTimes

Chiara, infermiera “ma perchè gli Opi e Fnopi vogliono il super Oss anzichè puntare sulle competenze avanzate degli infermieri?”
Il dott. Costanzo presenta la tesi infermieristica sul vissuto esperienziale della famiglia del paziente autistico: uno studio fenomenologico
La dott.ssa Fortunato presenta la tesi infermieristica “L’ausilio della fotodinamica nel wound care: efficacia clinica”
Super Oss in Veneto per la Cgil “più che supportare l’attività infermieristica rischierebbero di sostituirla”
Rinnovo contratto. Nursing Up “gravi carenze di personale, infermieri con più di 100 giorni di ferie arretrate” 
L’articolo Chiara, infermiera “ma perchè gli Opi e Fnopi vogliono il super Oss anzichè puntare sulle competenze avanzate degli infermieri?” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.