Rispetto ai giovani canadesi con diabete di tipo 1, al momento del passaggio dall’adolescenza all’età adulta i giovani statunitensi possono essere particolarmente vulnerabili alla chetoacidosi diabetica e altri esiti avversi, secondo quanto suggerisce una nuova ricerca pubblicata sul Journal of General Internal Medicine.