È stato utilizzato nel miglior modo possibile lo stravagante regalo rivolto ai pazienti ricoverati presso l’Ospedale Madre Teresa di Calcutta di Monselice.

Centinaia di “Baci Perugina”, donati da un anonimo benefattore, sono stati collezionati dai volontari dell’associazione Avo per essere rivenduti in cambio di un’offerta.

I fondi raccolti sono stati destinati al sostentamento delle attività di accoglienza dei pazienti in cura nell’unità operativa di Oncologia.

I volontari ospedalieri hanno creato dei simpatici sacchetti contenenti un cioccolatino ed un rametto di mimosa, distribuendoli in cambio di un’offerta libera nell’hall dell’ospedale. Oltre al famoso cioccolatino, è stato donata anche una copia del biglietto lasciato dall’anonimo donatore contenente la seguente frase:

«Io posso fare cose che tu non puoi, tu puoi fare cose che io non posso. Insieme possiamo fare grandi cose».

«Abbiamo raccolto qualche centinaio di euro» commenta la presidente Avo Paola Bonello «che serviranno per l’acquisto di alcuni bollitori per preparare tisane e te, da porre nelle sale d’attesa dei reparti oncologici».

Simone Gussoni
L’articolo Centinaia di “Baci Perugina” donati all’ospedale destinati alla raccolta fondi a favore dell’oncologia scritto da Simone Gussoni è online su Nurse Times.