I pazienti, di 62 e 70 anni, hanno beneficiato rispettivamente della sostituzione di spalla e femore con protesi artificiale.

Due interventi complessi, con impianto di protesi speciale di spalla e di femore totale dall’anca al ginocchio, sono stati eseguiti dall’equipe di Ortopedia oncologica della Fondazione Giglio di Cefalù. “Siamo intervenuti su due pazienti siciliani di 62 e 70 anni, rimovendo il tumore e ricostruendo gli arti in modo da ripristinarne la funzionalità e la mobilità”, piega Giuseppe Perrucchini, responsabile del reparto.

Nel caso del paziente a cui è stata ricostruita la spalla con una protesi speciale (protesi inversa, lunga 20 cm) era stato diagnosticato un condrosarcoma dall’alto grado di malignità nativo nell’osso dell’omero. Il tumore si era manifestato provocando da qualche mese dolore al braccio. L’equipe chirurgica del Giglio, composta da Perrucchini e dallo specialista della spalla Stefano Lupparelli, è intervenuta resecando l’omero prossimale per 20 cm, salvaguardando alcuni tendini e muscoli importanti per il movimento della spalla e procedendo quindi alla ricostruzione con l’impianto di una speciale protesi, che ha sostituito la parte asportata per permettere il recupero dell’arto superiore e la sua funzione. “È una chirurgia di salvataggio degli arti secondo i principi del Limb Salvage, cardine da molti anni della chirurgia ortopedica oncologica”, spiegano Perrucchini e Lupparelli.

Nell’altro caso, riguardante una paziente settantenne della provincia di Agrigento, gli ortopedici (Perrucchini e Davide Di Marzo) sono intervenuti su una nuova metastasi, formatasi tre anni dopo il primo intervento di megaprotesi di femore distale (da un tumore primitivo renale) e ora localizzata nel femore destro, in prossimità dell’anca. Lì si era generata una frattura patologica.

“Si è proceduto a resecare il femore prossimale per 14 centimetri, ricostruendolo con una megaprotesi speciale – spiega Perrucchini –. Il problema è stato collegarsi all’ altra protesi pre-esistente del femore distale. Abbiamo risolto ottenendo una protesi artificiale che sostituisce tutto il femore, dall’anca al ginocchio. Questa protesi viene rivestita con una apposita maglia tubolare di tessuto sintetico, alla quale si possono suturare tendini e muscoli per ottenere un migliore funzionamento dell’arto inferiore. Questi interventi complessi sono possibili solo grazie all’alta preparazione raggiunta ormai da tutti i componenti dell’equipe chirurgica: insostituibili operatori socio-sanitari, infermieri e strumentisti, chirurghi”.

“Due interventi frutto di un lavoro iniziato nel 2018 insieme all’assessore regionale della Salute, Ruggero Razza, con cui si è deciso di creare questa linea di attività di oncologia ortopedica – sottolinea Giovanni Albano, presidente della Fondazione Giglio –. Sono stati individuati professionisti di grande rilevanza e oggi possiamo dire di aver centrato questo obiettivo, che dà una risposta a tanti pazienti siciliani”.

Redazione Nurse Times

Lecce: ISPE concorso pubblico per 18 posti di infermiere. Corso gratuito e gruppo telegram
Rinnovo Ccnl comparto sanità, il tavolo di confronto si sposta in Puglia
Cefalù, due complessi interventi di ortopedia oncologica eseguiti alla Fondazione Giglio
Trapianto di fegato rigenerato fuori dal corpo: merito di un’innovativa macchina da perfusione
Lo sfogo di una futura infermiera: “La professione deve evolversi”
L’articolo Cefalù, due complessi interventi di ortopedia oncologica eseguiti alla Fondazione Giglio scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.