Per il personale infermieristico (indennità infermieristica) vanno da 3.775,45 a 4.736,87 euro. Per quello non infermieristico (indennità tutela malato) vanno da 3.175,75 a 4.039,69 euro.

Di recente Antonio Naddeo, presidente Aran, ha annunciato, attraverso le pagine del suo blog, l’arrivo della firma definitiva del Ccnl sanità (2019-2021) prevista per fine settembre. L’accordo economico riconosce, a decorrere dal 1° gennaio 2021, un incremento medio a regime degli stipendi tabellari di 91 euro medi per 13 mesi e una rivalutazione dei fondi destinati alla contrattazione integrativa di 12 euro mese per 13 mensilità.

Considerando anche le nuove indennità, l’accordo raggiunto consentirà di riconoscere incrementi medi, calcolati su tutto il personale del comparto, di circa 175 euro medi mese, corrispondenti a una percentuale di rivalutazione del 7,22%. Gli arretrati previsti vanno da 2.268,41 a 3.135,49 euro per tutto il personale, a seconda della posizione economica di appartenenza. Per il personale infermieristico (indennità infermieristica) vanno da 3.775,45 a 4.736,87 euro, mentre per il personale sanitario non infermieristico (indennità tutela malato) vanno da 3.175,75 a 4.039,69 euro.

Di seguito la tabella dettagliata in relazione al livello economico (fonte: Nursind).

Redazione Nurse Times

Liguria, deliberate le graduatorie dei concorsi Alisa per infermieri e oss: ora le assunzioni
Il futuro della professione infermieristica è nelle mani nostre e di chi ci governa: se ci ascoltate, noi rispondiamo
Ccnl sanità: l’importo degli arretrati in arrivo per infermieri e altri operatori
In Italia nessuno vuol fare più l’infermiere: calano del 9% le domande al corso di laurea
Infermiere fuori servizio salva un turista in arresto cardiaco

L’articolo Ccnl sanità: l’importo degli arretrati in arrivo per infermieri e altri operatori scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.