Infuria la polemica per il pranzo organizzato in piena zona arancione e interrotto da un blitz della guardia di finanza. La Procura di Cagliari ha aperto un’inchiesta.

Qualcuno parla già di Sardaragate. Continua a montare in Sardegna la polemica sul “banchetto di Sardara”, organizzato nel comune dell’isola famoso per le sue terme mercoledì scorso, in piena zona arancione e a pochi giorni del passaggio della Regione in fascia rossa. Un pranzo all’interno di un hotel al quale avrebbero preso parte vari esponenti politici, dirigenti e funzionari regionali, come riporta L’Unione sarda, interrotto da un blitz della guardia di finanza, che è riuscita a identificare, tra il fuggi-fuggi generale, 19 persone sulle circa 40 presenti.

Al momento l’unico nome certo tra i partecipanti all’incontro risulta essere quello del capo del Corpo forestale sardo, Antonio Casula, che non ha negato di essere presente quel giorno nell’hotel, specificando che si trovava lì per motivi di lavoro. In queste ore è circolato anche il nome dell’assessora all’Agricoltura, Gabriela Murgia, che però ha seccamente smentito: “Non ero presente il giorno a Sardara in nessuna circostanza, impegnata peraltro in altre attività istituzionali. Ovviamente certificabile. Che tristezza doversi giustificare pubblicamente”.

Sull’accaduto, si legge sempre nel quotidiano sardo, la Procura di Cagliari ha già aperto un’inchiesta, ma in attesa della magistratura le conseguenze politiche potrebbero essere immediate e devastanti per i vertici della politica isolana. Il governatore Christian Solinas, trapela da Villa Devoto, non ha nascosto la sua irritazione per quanto è successo e a breve potrebbe prendere provvedimenti.

Nel frattempo, sempre in maggioranza, immediate le prese di distanza di Lega e Fratelli d’Italia. “Ci dissociamo da tali atteggiamenti e ci teniamo a precisare che nessuno dei consiglieri appartenenti al nostro gruppo politico era presente al pranzo che tanto e giusto sdegno ha suscitato – le parole del capogruppo del Carroccio, Dario Giagoni –. A giudicare il comportamento saranno poi gli organi competenti, nei quali nutriamo massima fiducia”.

Dello steso tenore le dichiarazioni dei consiglieri di Fratelli d’Italia: “All’incontro di mercoledì scorso a Sardara non era presente nessun esponente di Fratelli d’Italia – si legge in una nota congiunta- . Il movimento diffida chiunque dall’affermare il contrario. Fdi ha sempre creduto all’etica dell’esempio e in un momento in cui si chiedono pesanti sacrifici ai cittadini, si limita la possibilità di lavorare a tante categorie produttive, è impensabile ritenere che uomini e donne del nostro movimento si riuniscano intorno a tavoli organizzati al di fuori dalle norme”. Rifiutando di entrare a far parte del Governo Draghi, “Fdi ha già dimostrato di tirarsi fuori dalle tavole imbandite. Siamo abituati a mettere la faccia in ogni nostra azione e battaglia, a rivendicare con orgoglio idee e scelte, anche se portate avanti in solitudine, per le quali siamo stati sempre pronti a pagare il conto senza scappare dalla finestra”.

All’attacco invece i rappresentanti delle forze di opposizione: “Si tratta di un fatto gravissimo – la presa di posizione dei consiglieri regionali del Pd -, soprattutto perché, come ricostruito dagli organi di stampa, vede coinvolti anche dei rappresentanti delle istituzioni, coloro i quali avrebbero dovuto mantenere un comportamento esemplare e di massimo rigore nel rispetto delle misure anti-covid e nel rispetto di tutti i sardi che stanno subendo gli effetti delle restrizioni necessarie al contenimento della pandemia. I cittadini devono poter credere nelle istituzioni, invece, anche a causa di questi deplorevoli atteggiamenti, rischiano di vedere vanificati i grandi sacrifici fatti nell’ultimo anno. Ci auguriamo che venga fatta piena chiarezza sulla vicenda e che gli organi competenti si attivino affinché i partecipanti al banchetto vengano individuati e sanzionati”.

Interviene sulla vicenda anche la sottosegretaria allo Sviluppo economico, Alessandra Todde, esponente del M5S: “Le regole evidentemente valgono per tutti i comuni mortali, ma non per chi utilizza i propri incarichi per derogare dalle stesse regole che pretende di imporre agli altri, senza, per altro, rispettarle e farle rispettare lui stesso. Troverei questo comportamento odioso in un momento ‘normale’, ma lo trovo ancora più avvilente in una situazione come quella che stiamo vivendo”.

Duro il commento dei consiglieri regionali dei Progressisti: “Presenteremo un’interrogazione e pretenderemo che già nella giornata di martedì in Consiglio venga chiarito ogni minimo dubbio su questa vicenda indecorosa. Non è accettabile nemmeno il solo pensare che le regole valgano solo per le persone normali che pagano le tasse e si attengono alle norme e che parallelamente possa esistere una casta di impuniti che può fare tutto quello che vuole”.

Sulla vicenda interviene anche il segretario regionale della Cgil, Michele Carrus: “Un’offesa gravissima ai lavoratori in affanno, alle imprese in crisi e a tutti i cittadini stremati dall’emergenza sanitaria, vissuta da tanti, troppi, in prima persona, con familiari e amici che hanno perso anche la vita a causa del covid. Chi era presente non può ora non dimettersi. E chi ha ruolo per farlo lo eserciti anzitutto per portare chi non lo facesse spontaneamente a lasciare gli incarichi ricoperti”.

“Il presidente della Regione Sardegna deve fare chiarezza sul banchetto di Sardara. Riferisca in aula sull’intera vicenda”. A chiederlo, attraverso un accesso agli atti e una interrogazione in Consiglio regionale, i consiglieri del Partito democratico, sollecitando spiegazioni al presidente Christian Solinas e aggiungendo: “La notizia della presenza del comandante del Corpo forestale al convivio di Sardara ci lascia a dir poco perplessi. Mentre il Corpo forestale è impegnato, con spirito di servizio e sacrificio, nei controlli per il rispetto delle prescrizioni anti Covid, il comandante Casula si ritrovava presente a un meeting”.

Proseguono i consiglieri: “Se la Sardegna è in zona rossa, è anche a causa di questi purtroppo frequenti e irresponsabili atteggiamenti che contribuiscono alla diffusione del contagio, accrescendo la crisi sanitaria ed economica, trascinando nel baratro imprenditori, liberi professionisti e tante altre categorie sempre più schiacciate dagli effetti delle restrizioni necessarie al contenimento della pandemia. Riteniamo doveroso che la politica tutta e i rappresentati delle diverse istituzioni e amministrazioni ed enti regionali siano di esempio, e che il presidente riferisca in aula, rispondendo alla nostra interrogazione e facendo chiarezza sull’accaduto”.

Redazione Nurse Times

L’articolo Caso Sardara: politici a banchetto in barba alle restrizioni anti-Covid scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.