Le malattie cardiovascolari sono tra le prime cause di morte al mondo. I cardioidi, cuori in miniatura ottenuti in laboratorio aiutano nello studio delle malattie cardiovascolari e nella riparazione delle lesioni provocate dall’infarto. Il progetto è illustrato nello studio pubblicato sulla rivista “Cell” dai ricercatori dell’Istituto di biotecnologia molecolare dell’Accademia delle scienze austriaca (Imba), coordinati da Sasha Mendjan.

Le malattie cardiovascolari, spiegano gli esperti e riporta l’Ansa, sono la principale causa di morte al mondo. Questi cuori in miniatura possono rappresentare efficaci modelli fisiologici per studiare in laboratorio lesioni o malformazioni cardiache congenite.

“Siamo riusciti a ottenere in laboratorio tessuto cardiaco in grado di auto-organizzarsi, grazie alle cellule staminali, per riprodurre un organoide con caratteristiche simili a quelle fisiologiche, con strutture che ricordano le camere cardiache, e la capacità del battito”, ha spiegato Mendjan.

“I cardioidi offrono incredibili potenzialità per lo studio dei difetti cardiaci congeniti umani. Un aspetto – conclude – che permetterà di compiere progressi nella medicina rigenerativa e nella scoperta di nuovi farmaci”.

Inveisce contro l’infermiere: “vedi di muoverti altrimenti ti picchio”
Fibrillazione atriale: innovativa tecnica riduce incidenza di ictus ed embolia post-intervento
Vaccini diversi tra prima dose e richiamo: gli studi
Cardioidi: mini cuori ottenuti in laboratorio
Place4Me: un allarme Hi-Tech proteggerà gli stalli per disabili dai parcheggiatori abusivi
L’articolo Cardioidi: mini cuori ottenuti in laboratorio scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.