“Volevo ringraziare e abbracciare tutta la categoria degli infermieri che sono persone che molto spesso vengono confuse per angeli custodi o missionari ma che sono, in realtà dei professionisti veri“. A parlare è Caparezza. Il cantautore pugliese ha dedicato un pensiero per gli infermieri nel video di Opi Bat girato in occasione della giornata internazionale dell’infermiere, il 12 maggio.

“Gli infermieri sono professionisti veri e propri che si sono formati sul campo e non sul web e che molto spesso lavorano oltre misura, come in quest’ultimo anno e mezzo e con retribuzioni poco edificanti. A voi va tutto il mio abbraccio e il mio affetto” ha aggiunto Caparezza.

Nel video ci sono anche le testimonianze vere di infermieri che hanno vissuto il Covid, come lavoratori, ma, purtroppo, anche come pazienti. “Io ho avuto paura soltando quando l’ambulanza è venuta a prendermi da casa per portarmi all’ospedale di Bisceglie” ha raccontato Riccardo Fatone, infermiere del presidio ospedaliero di Andria. “Mi sono rivisto in quelle immagini dei servizi tv mandati in onda in questo anno, dove molti hanno salutato i parenti prima di salire in ambulanza per poi non rivederli più” ha detto.

“Quello che ho potuto constatare in prima persona è che il paziente perde una certa umanità. Infatti, con l’assenza dei famigliari, non riesce più a riconoscere la realtà” dice Recebba Piazzolla, studentessa di infermieristica. Rebecca aggiunge: “molte volte vedevamo i pazienti stare male e piangere perché non riuscivano ad avere un contatto con la casa.”

Università di Tokyo: l’ossigeno somministrato per via rettale può salvare molte vite
25/5 Rinnovo consiglio Sipps, Di Mauro a lavoro per ”Pediatria Unita”
L’Opi di Rovigo incontra le scuole
Tredici lavoratori con disabilità licenziati in blocco da una cooperativa sociale
Infermiere rianima un ciclista con mezzi di fortuna: il plauso dell’Opi Torino
L’articolo Caparezza parla agli infermieri nel video di Opi Bat: “non missionari, ma professionisti veri” scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.