L’episodio, denunciato da Nursing Up Sardegna, si è verificato domenica all’ospedale Brotzu, dove il genitore di un bambino in attesa di cure è passato dalle parole ai fatti, colpendo più volte l’operatore.

Dopo essere stato insultato e minacciato, un infermiere in servizio al Pronto soccorso pediatrico dell’ospedale Brotzu di Cagliari è stato colpito più volte dal padre di un bambino in attesa di cure. A denunciare l’episodio, avvenuto domenica scorsa, è Diego Murracino, dirigente regionale del sindacato Nursing Up.

“I dirigenti del sindacato Nursing Up esprimono vicinanza e solidarietà all’infermiere vittima dell’ennesima aggressione e chiedono con fermezza che il personale sanitario possa lavorare in ambienti sicuri e protetti – commenta Murracino –. L’infermiere, il medico e gli altri operatori sanitari che garantiscono la tenuta del Servizio sanitario si scontrano quotidianamente con mille criticità e hanno necessità della collaborazione e della comprensione degli utenti”.

Il sindacalista lancia inoltre un appello alla direzione generale del Brotzu, chiedendo “l’attuazione di un piano di sicurezza contro le aggressioni e l’attivazione di una postazione di polizia attiva tutto il giorno all’interno del Pronto soccorso”.

Redazione Nurse Times

Cagliari, infermiere aggredito dal padre di un paziente pediatrico
Coronavirus, al via la distribuzione in Italia della pillola Merck
Covid: respinto il ricorso di un infermiere no vax dovrà ora pagare 7mila € di spese legali 
Torino, infermiera di dialisi dona un rene al figlio e lo salva
Diabete di tipo 1: come comportarsi a scuola
L’articolo Cagliari, infermiere aggredito dal padre di un paziente pediatrico scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.