Sarebbero oltre dieci i concorsi pubblici per medici, infermieri e altri professionisti sanitari ad essere finiti sotto indagine da parte degli uomini della Guardia di Finanza di Perugia
In seguito agli arresti in Umbria del segretario del Pd della regione Umbria Gianpiero Bocci e l’assessore regionale alla Salute e coesione sociale Luca Barberini, il Ministro della salute, Giulia Grillo invia la Task Force.
Durante la riunione dell’unità di crisi permanente che si è svolta ieri pomeriggio al Ministero della Salute, è stata analizzata la situazione che si è venuta a creare in Umbria a seguito della inchiesta della Procura di Perugia.
Senza sostituirsi in alcun modo alla magistratura, il ministero invierà nelle prossime ore una task force composta da tecnici della Salute, ISS, Agenas, Carabinieri dei NAS per verificare il pieno rispetto del piano nazionale anticorruzione e delle disposizioni dell’Anac.
Tra i suoi compiti ci sarà anche una ricognizione straordinaria dei livelli di qualità erogati presso tutti i reparti delle strutture ospedaliere coinvolte.
Il Ministro, Giulia Grillo: “ho scritto alla Presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, per assicurare ampia disponibilità a collaborare per individuare le migliori competenze professionali per la sostituzione dei vertici aziendali oggetto delle misure cautelari”.
Sarebbero stati circa trenta i medici, gli infermieri e gli ausiliari assunti illecitamente.
I candidati individuati sarebbero stati messi in condizioni di vincere il concorso. Il procuratore Luigi De Ficchy ipotizza, a vario titolo, i reati di abuso d’ufficio, rivelazione del segreto d’ufficio, favoreggiamento e falso.
 
Redazione NurseTimes
L’articolo Bufera concorsi Umbria: il Ministro Grillo invia una task force scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.