L’organizzazione avviene tramite passaparola su Telegram. C’è addirittura chi è disposto a pagare per infettarsi.

Incontrarsi clandestinamente con l’obiettivo di contagiarsi per ottenere il Green Pass ed evitare il vaccino anti-Covid. Questa l’ultima trovata dei no vax per aggirare la stretta decisa dal Governo con l’obbligo di vaccinazione per gli over 50 e il super Green Pass. Complici le vacanze di Natale, nelle ultime settimane si è verificato un autentico boom di questi incontri, organizzati con un diffuso passaparola su alcuni canali Telegram.

L’ultimo di tali canali, nato proprio a ridosso delle nuove restrizioni, è “Casual Coronavirus Party”, dove c’è chi inserisce veri e propri annunci. Un esempio? “Sono della provincia di Agrigento. Cerco positivo urgentemente e sono disposto a pagare”. La risposta non si fa attende: “Sono positivo e vivo in Toscana”. E’ così che poi si potrà passare all’incontro. C’è poi chi cerca un positivo “con urgenza” ed è disponibile a “spostarsi ovunque”.

Dopo il giro di vite del Governo, la caccia al Covid Party o al Corona Party è diventata per molti una necessità. Spesso sono persone che hanno bisogno del Green Pass per lavorare, ma non vogliono vaccinarsi e puntano al certificato verde che si ottiene se si è contratta la malattia. La dinamica è la stessa dei Morbillo Party organizzati anni fa da alcune mamme no vax che invitavano a frequentare le case con bambini colpiti da morbillo in modo che anche altri bimbi potessero contrarre la malattia in modo naturale. Altra modalità molto ricercata nella chat su Telegram è quella dello scambio della tessera sanitaria per effettuare un tampone: il positivo al Covid presta la propria tessera sanitaria e così si ottiene un Green Pass provvisorio. “Lo so che è truffa – scrive un utente – ma quella del Governo dal 2020 non è una truffa?”.

“Dei Covid-party o corona-party ho sentito parlare moltissimo, ed è una cosa terribile – commenta Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova, intervistato da Adnkronos Salute –. Recandosi a una festa dove ti contagi con il coronavirus può andarti bene, con una forma blanda, ma anche malissimo, e finire in rianimazione o anche peggio. Lo abbiamo detto e ridetto: il rischio è altissimo. Così si gioca con la morte come alla roulette russa”.

Aggiunge Bassetti: “Speravo di non sentire e vedere più cose come i morbillo party – si rammarica Bassetti -, che sono una cosa devastante del nostro passato. Di fronte a tanta ottusità non so cosa fare. Questi incontri sono contro la legge e non dovrebbero esserci. Spero che si esca dalla logica del Green Pass e si arrivi a una situazione di normalità, con l’immunità di gregge in primavera. Dobbiamo ripartire, e spero che ci saranno anche meno stupidaggini come i Covid Party”.

Redazione Nurse Times

Gentile infermiera, tra qualche anno vedrete riconosciuto il vostro contributo con uno stipendio adeguato
Il dott. Dell’anna presenta la tesi “L’utilizzo di plasma ricco di piastrine per ridurre il tempo di guarigione dell’ulcera del piede diabetico”
Appello AME: “Servono più endocrinologi per emergenze post-Covid”
Milano: i No Vax “multano” le auto in sosta per sensibilizzare la popolazione a non vaccinarsi
Ernia ombelicale: conosciamola meglio
L’articolo Boom di Covid Party: spopolano gli incontri clandestini per contagiarsi e ottenere il Green Pass scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.