La rockstar ha rinnovato il proprio sostegno all’associazione Ansabbio e fatto visita ai piccoli pazienti dell’ospedale Rizzoli.

Ha cominciato nel 1995 e non
si è mai fermato. Come fa ormai da 25 anni, Vasco Rossi ha rinnovato ieri il suo impegno con l’associazione Ansabbio e con i bambini
ricoverati all’ospedale Rizzoli di Bologna, che ieri ha visitato.
Ad attenderlo, non sono solo i piccoli pazienti, ma anche gli infermieri, i
medici, le insegnanti e tutto lo staff. Per un giorno la rockstar è diventata
così un medico speciale: il primario del sorriso.

«Sono emozionato e mi ritengo molto fortunato ogni
volta che vedo la realtà della sofferenza e della malattia – ha confidato –. Oggi darò un
bacio a tutti i bimbi e un abbraccio grande ai loro genitori. Quando manca la
salute si capiscono un sacco di cose». Vasco si emoziona e fa emozionare,
mentre regala ai pazienti gli zaini e le magliette autografate. Il cantante ha
attraversato i reparti di Chemioterapia, di Ortopedia pediatrica e della Clinica
ortopedica terza, con l’intento di «dare
coraggio a questi combattenti». Nella sua visita è stato accompagnato da Dario Cirrone (foto), presidente di
Ansabbio.

Redazione Nurse Times

Fonte: il Resto del Carlino

L’articolo Bologna, Vasco Rossi è il “primario del sorriso” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.