Ci lascia a 68 anni l’infermiere Michele Chiechi, che era conosciuto come “il gigante buono del Policlinico”.

Al gentleman infermiere della sala operatoria, al miglior strumentista. da cui ho imparato, all’ironico schietto e al brontolone modesto.Si legge sui social in suo ricordo

Da circa un mese l’infermiere, in pensione da alcuni anni, era stato trasferito nel reparto di Terapia intensiva del Covid hospital in Fiera del Levante a Bari, per combattere la sua personale battaglia con il virus.

Dopo la scoperta della positività al Covid, tutti erano certi che Chiechi avrebbe avuto la meglio, perché non era mai stato un tipo arrendevole, scrive N. Cassano su “la Repubblica”. Per tutta la vita si era impegnato, iniziando a lavorare da giovanissimo, per poi approdare nell’ospedale barese, prima come infermiere ausiliario, poi come infermiere effettivo e infine da strumentista. Una vita divisa tra il lavoro e l’amore per la famiglia, sempre attento e vicino ai bisogni della moglie Lucia e ai due figli Francesca e Giuseppe.

A Salerno infermieri costretti a fare gli Oss, in Veneto gli Oss promossi a infermieri: è caos!
Bari, muore per Covid l’infermiere Michele Chiechi
Spenza parla dei viaggi all’estero: “la quarantena è un deterrente”
MicroRNA contro il cancro al seno: lo studio
Puglia, Ospedale in Fiera, i medici denunciano: “serve personale”
Fonte e foto: bari.repubblica.it
L’articolo Bari, muore per Covid l’infermiere Michele Chiechi scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.