E’ gestita da infermieri e oss afferenti dalle varie UU.OO. attraverso la metodica della disponibilità volontaria.

Area medica e team infermieristico dell’ospedale San Paolo di Bari hanno messo in piedi il primo reparto a gestione infermieristica in Italia per pazienti Covid asintomatici o paucisintomatici. “Anche in futuro, col passaggio dalla fase pandemica a quella endemica, il progetto potrà aiutare ad allentare la pressione nei reparti no Covid e a diminuire i ricoveri negli ospedali Covid”, fanno sapere dalla Asl Bari.

L’Area Covid è gestita da operatori infermieri e oss afferenti dalle varie UU.OO. dell’ospedale, che attraverso la metodica della disponibilità volontaria svolgono turni antimeridiani, pomeridiani e notturni. Il personale viene attivato dalla direzione medica di presidio, dopo aver indossato i dpi previsti, accoglienell’area Covid il paziente positivo, trasportato dal personale bardato della U.O. di degenza dove è ricoverato, previa attivazione del servizio di disinfezione ospedaliero.

L’area Covid nasce per garantire un’assistenza a favore di pazienti in condizioni clinico assistenziali di tipo bassa, medio-bassa o media. Pertanto i pazienti che devono accedere a quest’area sono valutati con attenzione. E’ richiesta una dichiarazione di stabilità delle condizioni cliniche del paziente, una diagnosi definita e una terapia impostata.

Innanzitutto il medico proponente, cioè colui che richiede la collocazione del paziente risultato positivonel reparto Covid, verifica e dichiara la stabilità delle sue condizioni cliniche, mentre gli infermieri presenti nella U.O. di degenza valutano e dichiarano il livello di complessità assistenziale. Fatto ciò, il medico proponente informa la direzione medica di presidio, la quale, valutata la dichiarazione clinico-assistenziale del paziente, acconsente al trasferimento del paziente nell’area Covid.

Per approfondire

Redazione Nurse Times

Vulvodinia, proposta di legge approda alla Camera: la sostiene anche Damiano dei Maneskin
La dott.ssa Boccia presenta la tesi infermieristica dal titolo “Cateteri venosi centrali: bundle di azioni per la prevenzione”
Lecce, uomo affetto da turbe psichiche e Covid si suicida in ospedale: indagati un medico e tre infermieri
Migep “il Veneto svende la sanità pubblica per il privato, svende gli infermieri e “punisce” gli oss”
Nursing Up: «Allarmanti i numeri che raccontano del pericoloso esodo degli infermieri italiani verso la Svizzera»
L’articolo Bari, all’ospedale San Paolo nasce la prima area Covid italiana gestita da infermieri scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.