E’ quanto sostengono i ricercatori del Karolinska Institute di Solna.

In passato la ricerca ha suggerito che i bambini nati da madri che hanno contratto l’influenza o un’altra infezione durante la gravidanza possono avere maggiori probabilità di avere l’autismo. Un nuovo studio, pubblicato di recente su The Lancet Psychiatry, ha però dimostrato che l’infezione potrebbe non essere la causa. “Non abbiamo trovato alcuna evidenza che suggerisca che le infezioni contratte dalle madri durante la gravidanza possano causare autismo nel bambino”, ha affermato l’autore Martin Brynge, dottorando presso il Dipartimento globale di Sanità pubblica del Karolinska Institute di Solna, in Svezia.

Per lo studio i ricercatori hanno esaminato il rischio di autismo nei fratelli quando la madre ha avuto un’infezione durante una gravidanza, ma non durante l’altra in più di 500mila bambini nati tra il 1987 e il 2010. Hanno inoltre esaminato il rischio di autismo nei bambini nati da madri a cui era stata diagnosticata un’infezione durante l’anno precedente la gravidanza.

Quando i ricercatori hanno confrontato i fratelli, quelli esposti a un’infezione durante la gravidanza non avevano più probabilità di sviluppare autismo rispetto ai fratelli o alle sorelle che non erano esposti. Inoltre le donne che avevano contratto un’infezione un anno prima di iniziare una gravidanza erano collegate a un rischio di autismo simile a quello delle infezioni durante la gravidanza, ma non al rischio di deficit intellettivo.

Nel complesso, questi risultati suggeriscono che probabilmente non sono le infezioni durante la gravidanza ad aumentare il rischio di autismo nei bambini. I ricercatori hanno invece affermato che le mamme dei bambini con autismo sembrano essere più suscettibili alle infezioni in generale, non solo durante la gravidanza. “La maggiore propensione alle infezioni in queste madri potrebbe essere causata da fattori genetici sconosciuti, che influenzano sia il rischio di autismo dei bambini sia la propensione delle loro madri alle infezioni”, ha affermato Brynge.

Lo studio comprendeva un’ampia gamma di infezioni e i risultati erano simili tra i tipi di infezione e i trimestri della gravidanza. La ricerca è stata condotta prima della pandemia globale di Covid-19. “Gli studi futuri dovrebbero indagare in modo specifico sui potenziali effetti del Covid-19, identificare eventuali potenziali fattori ambientali causali e modificabili che intervengono durante la gravidanza ed esaminare anche le cause dell’aumento dell’incidenza di infezioni tra madri di bambini con autismo”, ha affermato Brynge.

L’esperto ha osservato che lo studio non contraddice i legami ben consolidati tra alcune infezioni virali specifiche durante la gravidanza, come l’infezione da citomegalovirus (CMV) e la rosolia (morbillo tedesco), e il rischio di gravi condizioni dello sviluppo nei bambini. I ricercatori hanno inoltre verificato se le madri che avevano contratto un’infezione durante la gravidanza avessero maggiori probabilità di avere figli con deficit intellettivo misurato mediante test del QI, scoprendo che potrebbe esserci un piccolo aumento del rischio di deficit intellettivo in questi bambini.

“Questo studio sostiene una relazione causale diretta tra infezione materna durante la gravidanza e neurosviluppo difettoso nei bambini – spiega Melody Zeng, assistente universitaria di Immunologia all’Institute for Children’s Research presso la Weill Cornell Medicine di New York, non coinvolta nella ricerca –. Le condizioni di salute generali delle madri dovute a fattori genetici o fattori ambientali/alimentari potrebbe essere un fattore determinante più importante del rischio di autismo nella prole rispetto alle infezioni durante la gravidanza”.

È possibile che le donne più suscettibili alle infezioni abbiano maggiori probabilità di avere figli affetti da autismo, ha aggiunto Zeng. Tuttavia la valutazione è ancora in corso. Va da sè che “queste sono implicazioni, non prove definitive”.

Redazione Nurse Times

Opi Firenze Pistoia: la commissione d’albo infermieri perde 4 componenti 
Tumore del pancreas, nascono a Brescia le linee guida europee sulla chirurgia mininvasiva
Dolore addominale: come capire se è appendicite
Autismo, studio svedese: “Nessun legame causale con le infezioni contratte dalla madre durante la gravidanza”
Oggi un infermiere potrebbe candidarsi a Ministro della Salute?
L’articolo Autismo, studio svedese: “Nessun legame causale con le infezioni contratte dalla madre durante la gravidanza” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.