Di seguito riportata la lettera di ringraziamento:

«Iniziare a scrivere queste poche righe non è facile. Voglio scrivere a voi dottori, infermieri e a tutto il personale del reparto dove sono ricoverato. Non ricordo tutti i vostri nomi, ma vi voglio ringraziare per le cure e le attenzioni prestatemi».

«Mi sento però in dovere di chiedervi scusa, e soprattutto di scriverlo, perché erroneamente pensavo di stare attento alle precauzioni anti Covid e che, in questo modo, sarei stato sempre bene ”Il vaccino non mi serve, lasciamolo fare a chi ha paura di ammalarsi”, pensavo. Mi sbagliavo due volte. La prima, perché se avessi fatto il vaccino non mi sarei ammalato così e forse non mi avrebbero ricoverato; la seconda, perché non avrei infettato i miei famigliari e non li avrei obbligati a stare in casa, con la preoccupazione di una persona cara che non ti può assistere e vedere».

«Sicuramente a tutte le persone che conosco consiglierò vivamente di vaccinarsi, raccontandogli l’esperienza passata e il “dovere” di non ammalarsi. Certamente non dimenticherò i vostri occhi, dove i miei cercavano conferme ma, soprattutto, il conforto delle vostre parole. Non dimenticherò i piccoli e semplici gesti: quando mi imboccavate, mi facevate bere, mi asciugavate il sudore dal viso e le lacrime che uscivano da quegli stessi occhi che bruciavano di tanti pensieri. Concludo queste righe con gli occhi un po’ commossi e, con il cuore in mano, con due parole: scusatemi e grazie», conclude il quarantenne ricoverato in Malattie Infettive , dopo aver contratto il Covid.

Ultimi articoli pubblicati

Asl Biella: no vax si ammala e chiede scusa al personale sanitario
Tubercolosi: Trovata una nuova strategia per sviluppare un vaccino
Infermiere casertano premiato come eroe della Pandemia
Genova, Ospedale Galliera: in venti infermieri no vax rischiano la sospensione
”Sarebbero molti i motivi per scendere in piazza e dire basta ad una gestione politica della sanità”
L’articolo Asl Biella: no vax si ammala e chiede scusa al personale sanitario scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.