Si discute sulla proroga dei termini per la stabilizzazione dei precari prevista dalla Legge Madia.

Venerdì 27, subito dopo la parentesi natalizia, sarà pubblicato in Gazzetta ufficiale il bando per il nuovo concorso della Asl Bari, che recluterà 1.132 infermieri per tutti gli ospedali. Ma proprio in queste ore, nell’ambito della Legge di stabilità, il Parlamento discute di una norma che potrebbe costringere (anche) la Puglia a rivedere tutto. La possibile proroga dei termini per la stabilizzazione dei precari prevista dalla Legge Madia potrebbe infatti riaprire una partita che la Regione e le Asl hanno (faticosamente) chiuso nei mesi scorsi.

La legge Madia ha consentito
di assumere a tempo indeterminato chi, entro il termine del 31 dicembre 2017,
ha maturato almeno tre anni di servizio (anche non continuativi) negli ultimi
otto, sommandosi a una disposizione di contenuto analogo (il Decreto
legislativo 165/2001) che riguardava esplicitamente la sanità. Ora un
subemendamento (a prima firma Castellone, del M5S) ha spostato ulteriormente
(cioè al prossimo 31 dicembre) il termine di proroga della Legge Madia, già
previsto (al 30 giugno scorso) da un emendamento del relatore alla manovra.

Insomma, l’intenzione del Governo
è di riaprire all’ingresso dei precari, anche per evitare – questa la chiave di
lettura – un’eventuale procedura di infrazione in sede europea per l’eccessivo
utilizzo di contratti a termine: bisognerà solo vedere (la discussione su questo
è andata avanti per tutta la scorsa notte) quanto sarà ampia questa porta. L’emendamento
ha valore generale, ma è stato pensato in particolare per l’emergenza in atto
nella sanità dove si applicherà anche ai medici.

In Puglia, però, il concorso
già varato dalla Asl Bari nasce anche dalla necessità di dare una “seconda
possibilità” a chi non ha potuto sfruttare la prima ondata di stabilizzazioni,
visto che il 40% dei posti a concorso (che in realtà sono 566, la metà del
totale) è riservato a chi ha maturato almeno tre anni di contratti a termine.
L’altra metà dei posti disponibili è invece riservata alle procedure di mobilità, regionale o interregionale, anche queste
obbligatorie per legge: ci sarà chi torna a casa dal Nord e chi vuole spostarsi
da una Asl all’altra.

«Se la proroga dovesse passare ne verificheremo
innanzitutto il perimetro – dice il
capo dipartimento Vito Montanaro – e, se ci sono concorsi in atto, dovranno
tenerne conto». Non a caso ieri, nell’incontro settimanale con i direttori
generali, Montanaro ha chiesto a tutte le Asl una ricognizione dei contratti a
tempo determinato in atto al 30 giugno e al 31 dicembre. Si parla più o meno di
1.500 persone di personale sanitario non medico. Ma – questa la novità –
stavolta la stabilizzazione potrebbe riguardare anche gli amministrativi. Sarà
comunque difficile avere un quadro dei possibili stabilizzandi, perché le Asl
non hanno contezza degli eventuali anni di servizio maturati fuori dalla
Puglia.

La vecchia procedura di
stabilizzazione ha portato in totale ad assumere a tempo indeterminato circa
mille unità di personale infermieristico (220 solo in Asl Bari), attraverso una
graduatoria riservata. Ora bisognerà capire se, e in quale modo, il concorso
già varato potrà essere corretto in corsa per tenere conto della possibile
proroga della Madia. In caso contrario, il bando dovrà essere ritirato e ripartirà
da zero.

Redazione Nurse Times

Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

L’articolo Asl Bari, a rischio il maxi-concorso per infermieri scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.