La sperimentazione è stata condotta dai ricercatori dello Skåne University Hospital Lund.

Un team dello Skåne University Hospital Lund (Svezia), guidato dal dottor Josef Dankiewicz, ha condotto una sperimentazione in aperto con valutazione in cieco degli esiti riguardanti adulti in coma che avevano avuto un arresto cardiaco extraospedaliero (OHCA) ed erano stati sottoposti, con assegnazione casuale, a ipotermia mirata a 33 gradi Celsius, seguita da riscaldamento controllato o normotermia mirata, con trattamento precoce della febbre. In particolare, è stato valutato l’esito primario di decesso per qualsiasi causa a sei mesi su un totale di 1.850 pazienti.

I ricercatori hanno scoperto che il 50% e il 48% dei pazienti nei gruppi di ipotermia e normotermia, rispettivamente, erano deceduti a sei mesi (rischio relativo con ipotermia: 1,04; intervallo di confidenza al 95%: da 0,94 a 1,14; P=0,37). Dei 1.747 pazienti nei quali è stato valutato l’esito funzionale, il 55% e il 55% dei pazienti nei gruppi ipotermia e normotermia, rispettivamente, presentava disabilità grave modificata o peggiore (punteggio della scala di Rankin modificata ≥4; rischio relativo con ipotermia: 1,00; intervallo di confidenza al 95%: 0,92-1,09). Nei sottogruppi prespecificati gli esiti erano coerenti.

“I pazienti in coma dopo arresto cardiaco extraospedaliero, trattati con ipotermia mirata, non avevano una minore incidenza di decesso a sei mesi rispetto a quelli trattati con normotermia”, scrivono gli autori dello studio.

Redazione Nurse Times

Arresto cardiaco extraospedaliero, studio svedese rivela: “Ipotermia mirata non riduce decessi a 6 mesi nei pazienti in coma”
Israele, “Pensavamo di aver vinto, ma la guerra contro il Covid sarà ancora lunga”
Attacco no vax via Telegram: recensioni negative per i ristoratori che chiedono il Green Pass
Puglia, Regione approva supporto infermieristico in Rsa e centri diurni
Ancona, ferie forzate e possibile sospensione per sanitari no vax: due ci ripensano
L’articolo Arresto cardiaco extraospedaliero, studio svedese rivela: “Ipotermia mirata non riduce decessi a 6 mesi nei pazienti in coma” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.