Si articola in 16 punti e va dal pre-concepimento fino all’età prescolare.

La Regione Veneto si è dotata di un nuovo modello gestazionale organizzativo dell‘area materno-infantile che va dal pre-concepimento fino all’età prescolare e che si articola in 16 punti. 

“La scelta di diventare genitori e tutto il percorso che segue dal concepimento alla nascita e alla crescita del bimbo sono estremamente delicati e richiedono una presa in carico attenta con atti mirati e all’avanguardia – afferma l’assessore regionale a Sanità e sociale, Manuela Lanzarin –. Questa considerazione giustifica l’interesse primario a scelte che possano da un lato supportare le coppie e le famiglie a concepire, far nascere e crescere figli, dall’altro ad agire per garantire la salute e il miglior sviluppo possibile ai bambini, componente sempre più preziosa non solo per le singole famiglie, ma per la società tutta”.

Questi i 16 punti:– la definizione di un unico macro ambito che comprende tutte le azioni, i percorsi, i servizi sanitari e sociosanitari presenti in Regione, attivi dal pre-concepimento all’età prescolare, seguendo un’unica visione;– la strutturazione di un unico sistema di monitoraggio che, poggiandosi sulla base di sistemi informativi già esistenti che trattano l’assistenza al parto e alla gravida, venga sviluppato in modo da censire le nuove gravide, collegandole alla specifica esenzione e all’anagrafe unica regionale degli assistiti, definisca immediatamente l’agenda della gravidanza fisiologica per ciascuna donna in base a quanto previsto nei livelli essenziali di assistenza e fissi le relative prestazioni;– il supporto attivo alle famiglie;– l’acquisizione e l’implementazione di tutti gli strumenti che potranno facilitare e migliorare la qualità dell’assistenza prestata;– la strutturazione di specifici percorsi per le gravidanze a basso rischio;la revisione della rete dei punti nascita;– il mantenimento a regime del programma di contrasto alla depressione materna;– la creazione di una cartella clinica della gravida;– l’istituzione di un servizio codificato di trasporto della gravida verso i cinque hub, con attivazione del trasporto da parte dell’ospedale spoke;– la rivalutazione del sistema di trasporto neonatale, con eventuale potenziamento dell’esistente;– l’implementazione di screening neonatali metabolici allargati e screening neonatali uditivo e visivo, con la creazione di un sistema veneto di bio banca del materiale biologico ottenuto dai cartoncini di prelievo dai nati;– la creazione di un registro delle malformazioni congenite tenuto dal Coordinamento regionale malattie rare;– il ripristino e l’implementazione dei programmi di sensibilizzazione, informazione e supporto delle famiglie e dei nuovi genitori per temi rilevanti per la salute del nato;– il follow up dei neonati prematuri e ad alto rischio, con la costituzione di appositi ambulatori integrati nei punti nascita di terzo livello;– l’implementazione di un percorso disordini dello sviluppo e diagnosi precoce sindromi autistiche basato sul costante monitoraggio delle tappe di sviluppo complessiva del lattante e del bambino in età prescolare, ripetute ai controlli vaccinali;– un programma di visite domiciliari esteso a tutte le puerpere nel corso della seconda-terza settimana dal parto o dal ritorno a domicilio, con personale ostetrico o infermieristico appositamente formato.

Redazione Nurse Times

La dott.ssa Bachini presenta la tesi infermieristica sul passaggio di consegne tra Emergenza Territoriale e Pronto Soccorso
Sla indotta da carenza di un enzima: nuove speranze per una terapia
Area materno-infantile, nuovo modello gestazionale organizzativo sviluppato da Regione Veneto
Obbligo vaccinale, la sanzione di 100 euro per i “no vax” delude gli operatori sanitari. L’infermiera Martina Benedetti: “Scelta assurda”
Variante Omicron, studio Usa: “Picco di morti a metà febbraio”
L’articolo Area materno-infantile, nuovo modello gestazionale organizzativo sviluppato da Regione Veneto scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.