Approvato dal Governo il Decreto Legge sulle “Misure urgenti per il contenimento dell’epidemia da COVID-19 e in materia di vaccinazioni anti SARS-CoV-2”

Cosa prevede il Decreto Legge?

Importanti articoli 3 e 4, il primo prevede il cosi detto scudo penale.

Molto importante e garantista perché esclude la responsabilità penale del personale sanitario incaricato della somministrazione del vaccino per i delitti di omicidio colposo e lesioni personali colpose commesse in periodo emergenziale se le vaccinazioni sono effettuate in conformità con quanto disposto dal ministero della salute.

Per quanto riguarda il comma 4 invece la situazione è più gravosa perché prevede un vero e proprio obbligo alla vaccinazione da parte di tutto il personale sanitario prevedendo una procedura dettagliata e misura in caso di inosservanza.

In sostanza, chi si rifiuta potrà essere adibito a mansioni inferiori ove possibile…altrimenti sarà sospeso dal lavoro e non sarà dovuta la retribuzione. Importante il ruolo degli ordini professionali.

Uno stralcio dell’art. 4 (co. 3 – 4 – 5 – 6 – 7 – 8 – 9)

3. Entro cinque giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, ciascun Ordine professionale territoriale competente trasmette l’elenco degli iscritti, con l’indicazione del luogo di rispettiva residenza, alla regione o alla provincia autonoma in cui ha sede. Entro il medesimo termine i datori di lavoro degli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie, socio-assistenziali, pubbliche o private, farmacie, parafarmacie e studi professionali trasmettono l’elenco dei propri dipendenti con tale qualifica, con l’indicazione del luogo di rispettiva residenza, alla regione o alla provincia autonoma nel cui territorio operano.

4. Entro dieci giorni dalla data di ricezione degli elenchi di cui al comma 3, le regioni e le province autonome, per il tramite dei servizi informativi vaccinali, verificano lo stato vaccinale di ciascuno dei soggetti rientranti negli elenchi. Quando dai sistemi informativi vaccinali a disposizione della regione e della provincia autonoma non risulta l’effettuazione della vaccinazione anti SARS-CoV-2 o la presentazione  della  richiesta di  vaccinazione nelle modalità stabilite nell’ambito della campagna vaccinale in atto, la regione o la provincia autonoma, nel rispetto delle disposizioni in materia di protezione dei dati personali, segnala immediatamente all’azienda sanitaria locale di residenza i nominativi dei soggetti che non risultano vaccinati.

5. Ricevuta la segnalazione di cui al comma 4, l’azienda sanitaria locale di residenza invita l’interessato a produrre, entro cinque giorni dalla ricezione dell’invito, la documentazione comprovante l’effettuazione della vaccinazione, l’omissione o il differimento della stessa ai sensi del comma 2, ovvero la presentazione della richiesta di vaccinazione o l’insussistenza dei presupposti per l’obbligo vaccinale di cui al comma 1. In caso di mancata presentazione della documentazione di cui al periodo precedente, l’azienda sanitaria locale, successivamente alla scadenza del predetto termine di cinque giorni, senza ritardo, invita formalmente l’interessato a sottoporsi alla somministrazione del vaccino anti SARS-CoV-2, indicando le modalità e i termini entro i quali adempiere all’obbligo di cui al comma 1. In caso di presentazione di documentazione attestante la richiesta di vaccinazione, l’azienda sanitaria locale invita l’interessato a trasmettere immediatamente e comunque non oltre tre giorni dalla somministrazione, la certificazione attestante l’adempimento all’obbligo vaccinale.

6. Decorsi i termini di cui al comma 5, l’azienda sanitaria locale competente accerta l’inosservanza dell’obbligo vaccinale e ne dà immediata comunicazione all’interessato, al datore di lavoro e all’Ordine professionale di appartenenza. L’adozione dell’atto di accertamento da parte dell’azienda sanitaria locale determina la sospensione dal diritto di svolgere prestazioni o mansioni che implicano contatti interpersonali o comportano, in qualsiasi altra forma, il rischio di diffusione del contagio da SARS-CoV-2.

7. L’Ordine professionale di appartenenza comunica immediatamente la sospensione di cui al comma 6.

8. Ricevuta la comunicazione di cui al comma 6, il datore di lavoro adibisce il lavoratore, ove possibile, a mansioni, anche inferiori, diverse da quelle indicate al comma 6, con il trattamento corrispondente alle mansioni esercitate, e che, comunque, non implicano rischi di diffusione del contagio. Quando l’assegnazione a diverse mansioni non è possibile, per il periodo di sospensione di cui al comma 9, non è dovuta la retribuzione, altro compenso o emolumento, comunque denominato.

9. La sospensione di cui al comma 6, mantiene efficacia fino all’assolvimento dell’obbligo vaccinale o, in mancanza, fino al completamento del piano vaccinale nazionale e comunque non oltre il 31 dicembre 2021.

Redazione Nurse Times

Allegato

Dl-VacciniDownload

Fibrosi polmonare: tutto quello che c’è da sapere
Approvato il Dl previsto “scudo penale” e obbligo vaccinale per gli operatori sanitari
Defibrillatori, che fine ha fatto la legge sull’uso in ambiente extraospedaliero?
Coronavirus, “Vaccino Pfizer-BioNTech molto efficace negli adolescenti dai 12 ai 15 anni”
Nuovo dl al vaglio del Consiglio dei ministri: medici delusi da scudo penale e obbligo vaccinale
L’articolo Approvato il Dl previsto “scudo penale” e obbligo vaccinale per gli operatori sanitari scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.