Lo annuncia Guido Giardini, direttore sanitario dell’Ausl valdostana.

“Siamo molto preoccupati per l’estate. Non si può non concedere ferie a persone che in due anni ne hanno fatte pochissime. Stiamo studiando delle strategie per mantenere i servizi”. Lo spiega Guido Giardini, direttore sanitario dell’Ausl Valle d’Aosta, in merito alla carenza di personale infermieristico all’ospedale Umberto Parini di Aosta.

Tra le ipotesi al vaglio della direzione sanitaria, “quella di affidarsi a convenzioni esterne per avere personale competente in tempi rapidi”. Aggiunge Giardini: “Su 28 pazienti ricoverati nei reparti Covid del Parini solo in cinque hanno sintomi polmonari riconducibili al virus. Il virus sta girando, ma per fortuna i casi sono molto lievi e non ci sono ricoveri in Terapia intensiva. Il problema nella gestione ospedaliera è che in ogni caso i soggetti positivi vanno isolati, e comporta l’utilizzo di maggiori risorse infermieristiche”.

Redazione Nurse Times

Giornata internazionale dell’infermiere (12 maggio): il convegno organizzato da Opi Taranto
Congiuntivite stagionale allergica: un decalogo per… vederci chiaro
“Il ruolo dell’infermiere in Protezione Civile”: il corso Cives fa tappa a Firenze
Morte di una donna dopo infiltrazioni di silicone al seno: la parola all’esperto
Pisa, trapiantato fegato da donatrice anziana a cuore fermo
L’articolo Aosta, carenza di infermieri all’ospedale Parini: si valutano convenzioni esterne scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.