Dopo Pesaro, stanno diventando sempre di più le città i cui ospedali hanno iniziato o stanno per iniziare a utilizzare gli anticorpi monoclonali, considerati da tutta la comunità scientifica un’arma molto importante nella lotta al Covid. Nella lista ci sono Genova, Verona, Roma. E, ancora, Catania, Bologna, Bari, Udine.

Il virologo Guido Silvestri, docente alla Emory University di Atlanta, sostenitore della prima ora della necessità di impiegare questo trattamento in Italia ha dichiarato trattarsi di “un’ottima notzia“.

Fra gli ospedali in cui è partita la sperimentazione con gli anticorpi monoclonali c’è il San Martino di Genova.

Il primo paziente della Liguria, riporta S. Ferri su secoloditalia.it, è stato un signore di 71 anni con cardiopatia. L’uomo è stato intercettato grazie alla collaborazione con i medici di medicina generale nella mattinata. È stato ricoverato per circa un’ora ed è tornato a casa.

Fnopi – Bene allentamento esclusività per gli infermieri: così il Paese presto fuori dalla pandemia
Infermieri: vincolo di esclusività e fragilità professionale
Autismo. Manca attenzione al corpo, studio Ido dimostra che ci sono più problematica nell’area affettivo-corporea
Anticorpi monoclonali negli ospedali d’Italia
Astrazeneca, ricercatori tedeschi e austriaci scoprono la causa dei coaguli di sangue
L’articolo Anticorpi monoclonali negli ospedali d’Italia scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.