I pazienti con malattia di Alzheimer (PD, Parkinson’s disease) di grado lieve o moderato che hanno assunto nilvadipina mostrano un aumento del flusso ematico cerebrale nell’ippocampo, secondo i risultati di un nuovo studio, denominato NILVAD, pubblicati online su “Hypertension”.