Nuovo allarme mondiale per la diffusione della Candida auris, un fungo difficilmente curabile e letale. La preoccupazione crescente nasce perché il fungo si sta diffondendo in varie zone del pianeta ed è multiresistente ai farmaci più comunemente usati. Inoltre, è difficile da identificarsi. Sono state riscontrate infezioni in pazienti di tutte le età, dai neonati agli anziani.

I Centers for Disease Control and Prevention americani hanno lanciato l’allarme: la candida auris si sta diffondendo in varie parti del mondo. La Candida auris, infoma il sito di CDC è un fungo emergente che rappresenta una grave minaccia per la salute globale.

Inoltre, la candida auris può diffondersi facilmente tra i pazienti in ambito sanitario e ha causato numerosi focolai associati all’assistenza sanitaria che sono stati difficili da controllare.

Tre sono i motivi principali della preoccupazione degli scienziati

Tre sono i motivi principali della preoccupazione degli scienziati (ne abbiamo parlato qualche giorno fa). Prima di tutto il fungo è spesso multiresistente, il che significa che è resistente a più farmaci antifungini comunemente usati per trattare le infezioni da Candida. Alcuni ceppi sono resistenti a tutte e tre le classi disponibili di antimicotici. La candida auris può causare infezioni associate a una mortalità intraospedaliera fino al 40%. La maggior parte dei ceppi di candida auris sono resistenti almeno a un farmaco antifungino, un terzo sono resistenti a due classi di farmaci antifungini e alcuni ceppi sono resistenti a tutte e tre le principali classi di farmaci antifungini.

Inoltre, è difficile da identificarsi con i metodi di laboratorio standard e può essere confuso e identificato erroneamente in laboratori senza una tecnologia specifica. L’errata identificazione può portare a una gestione inappropriata del problema.

Infine, fanno sapere dai Centers for Disease Control and Prevention, la candida auris ha già causato focolai nelle strutture sanitarie. Per questo motivo, è importante identificare rapidamente lo specifico fungo in un paziente ricoverato, in modo che le strutture sanitarie possano adottare speciali precauzioni per fermarne la diffusione.

Come è nato l’allarme

Le strutture sanitarie in diversi paesi hanno riferito che un tipo di lievito chiamato Candida auris ha causato gravi malattie nei pazienti ospedalizzati. In alcuni pazienti, questo fungo può entrare nel flusso sanguigno e diffondersi in tutto il corpo, causando gravi infezioni invasive. Questo fungo, spesso, non risponde ai farmaci antifungini comunemente usati, rendendo le infezioni difficili da trattare. I pazienti che sono stati ricoverati in una struttura sanitaria per molto tempo, hanno un catetere venoso centrale o altre linee o tubi che entrano nel loro corpo, o hanno precedentemente ricevuto antibiotici o farmaci antifungini, sembrano essere a più alto rischio di infezione da questo fungo.

Sono necessari metodi di laboratorio specializzati per identificare con precisione la candida auris. Le tecniche di laboratorio convenzionali potrebbero portare a errori di identificazione e gestione inappropriata, del problema.

Chi è a rischio di infezione?

Le persone che hanno recentemente trascorso del tempo in case di cura e hanno linee e tubi che entrano nel loro corpo (come tubi di respirazione, tubi di alimentazione e cateteri venosi centrali), sembrano essere a più alto rischio di infezione da candida auris.

Dati suggeriscono che i fattori di rischio per le infezioni sono generalmente simili ai fattori di rischio per altri tipi di infezioni da Candida. Questi fattori di rischio includono interventi chirurgici recenti, diabete, uso di antibiotici e antimicotici ad ampio spettro.

Inoltre, sono state riscontrate infezioni in pazienti di tutte le età, dai neonati pretermine agli anziani. Sono necessari ulteriori studi per saperne di più sui fattori di rischio per l’infezione da C. auris.

I sintomi e le conseguenze della candida auris

La manifestazione clinica dell’infezione da candida auris dipende dalla sede dell’infezione. La candida auris ha causato infezioni del flusso sanguigno, infezioni delle ferite e infezioni dell’orecchio. È stato anche isolato da campioni respiratori e urinari, ma non è chiaro se provochi infezioni ai polmoni o alla vescica.

Come altre infezioni da candida, le infezioni da candida auris vengono solitamente diagnosticate mediante coltura di sangue o altri fluidi corporei.

Dove è stata identificata per la prima volta la candida auris

La candida auris è stata identificata per la prima volta nel 2009 in Giappone. La revisione retrospettiva delle raccolte dei ceppi di candida ha rilevato che il primo ceppo conosciutorisale al 1996 in Corea del Sud. CDC considera questo fungo un patogeno emergente perché un numero crescente di infezioni è stato identificato in più paesi da quando è stato riconosciuto.

Le infezioni da candida auris sono state segnalate da oltre 30 paesi, inclusi gli Stati Uniti. Poiché l’identificazione di questo fungo richiede metodi di laboratorio specializzati, le infezioni probabilmente si sono verificate in altri paesi ma non sono state identificate o segnalate (clicca qui per una mappa dei paesi con casi segnalati).

Fonte e Foto: cdc.gov
L’articolo Allarme globale Candida auris: cosa c’è da sapere scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.