Riceviamo e pubblichiamo una nota a cura di Raffaele Micillo, segretario aziendale Fials dell’Aorn Dei Colli.Ennesima barbarie avvenuta nella giornata di mercoledì 13 luglio all’ospedale Cotugno di Napoli, dove un operatore sanitario è stato aggredito fisicamente dal famigliare di una paziente. Il vero problema da sollevare, però, è che questi atti immorali e senza alcun briciolo di umanità sembra che siano diventati consuetudini all’ordine del giorno, come fosse un atto di normale amministrazione.Inutile ricordare il tremendo periodo che il mondo, e tutto il campo sanitario in prima linea, ha passato e sta passando tutt’ora, senza alcuna sosta, alcun riconoscimento, alcun cenno di umanità nei confronti di chi, tolta quella divisa dopo ore di estenuante lavoro al servizio dei cittadini, torna a casa dalle proprie famiglie. Ci appelliamo ai diritti inviolabili dell’uomo, nonchè a uno dei principii fondamentali della nostra carta costituzionale (art. 4 sul diritto al lavoro: “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto”).Noi di Fials ci raccogliamo e sosteniamo il convenuto per il tremendo atto ricevuto, auspicando che la giustizia faccia il suo corso e lo Stato finalmente tuteli a pieno i diritti di chi, da quasi tre anni, combatte e lavora incessantemente per salvare vite umane, anche a costo della propria. Chiediamo un incontro urgentissimo con le SS.LL., in indirizzo, al fine di concertare percorsi volti alla sicurezza degli operatori impegnati in prima linea per l’assistenza ai cittadini.Redazione Nurse Times

La professionalità, il tempismo e le competenze degli infermieri sono come un camice invisibile
Frosinone, bimbo di otto anni morto per Covid: indaga la magistratura
Colamaria (Opi Rimini): “Scenario fosco per gli infermieri”
Mobilità infermieri Asl Napoli, “Espletare subito la procedura concorsuale”
Aggressione al Cotugno di Napoli, Fials: “Stato tuteli i lavoratori”
L’articolo Aggressione al Cotugno di Napoli, Fials: “Stato tuteli i lavoratori” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.