Aggredire verbalmente il personale di pronto soccorso è interruzione di pubblico servizio. A deciderlo è stata la Corte di Cassazione con la sentenza n. 19853/21 del 19 maggio. L’aggressore aveva in prima istanza presentato ricorso, ma ha perso ed è stato condannato a pagare le spese processuali.

Il soggetto, in particolare, era stato protagonista di una aggressione verbale, con tanto di minacce di violenza fisica, al personale sanitario di un Dipartimento di Emergenza e Accettazione di un ospedale pugliese. Questo avrebbe causato una perdita di tempo rilevante tra le normali attività di emergenza e accettazione. L’uomo, infatti, era stato condannato in primo e secondo grado per il reato di interruzione di pubblico servizio. Tuttavia, l’uomo aveva voluto presentare ricorso, deducendo violazione di legge e vizio di motivazione, per avere la Corte territoriale contraddittoriamente e illogicamente escluso che la condotta tenuta dall’imputato avesse causato l’interruzione ovvero il turbamento di un singolo atto e non anche della funzionalità complessiva dell’ufficio.

Ma il tutto si è concluso con la sonora e definitiva condanna dell’uomo. I giudici della Suprema Corte hanno infatti ritenuto il ricorso inammissibile.

Bisogna prendere atto come con il primo motivo del suo atto di impugnazione il ricorrente si sia sostanzialmente limitato a riproporre le medesime argomentazioni già rappresentate con il proprio atto di appello. I giudici hanno, inoltre, sottolineato come la condotta aggressiva e violenta posta in essere dal Bisignano all’interno del pronto soccorso – così come descritta dal medico all’indirizzo del quale quelle minacciose e violente iniziative erano state tenute, e riscontrate dal filmato registrato da una videocamere posta all’interno dei locali – fosse durata per un considerevole periodo, tra la mezz’ora e l’ora, provocando una significativa e duratura interruzione ovvero un turbamento di tutte le attività svolte all’interno di quell’importante reparto.

Per Anelli è il momento di programmare chiusura degli hub vaccinali e liberare gli infermieri
“Io, infermiere in prima linea, ho rinunciato all’abbraccio di mia madre per sconfiggere il Covid-19”
Vaccinazione anti Covid-19 e allattamento: la lettera aperta ai medici
Onorificenza al merito di Mattarella al presidente del 118 Mario Balzanelli
Aggredisce verbalmente il personale del pronto soccorso, condannato per interruzione di pubblico servizio
L’articolo Aggredisce verbalmente il personale del pronto soccorso, condannato per interruzione di pubblico servizio scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.