Parlare di benessere e salute è ogni giorno più attuale, tutti cercano e desiderano vivere in vera e durevole salute. Sul web e in tv impazzano ogni tipo di idee e soluzioni rivoluzionarie, così che spesso ci si chiede se ci sia veramente la possibilità di star bene. Molti hanno trovato ciò che cercavano nella tecnologia FIR! 

Che cos’è il FIR

FIR è l’acronimo di “Far Infrared Ray”, ovvero “raggio infrarosso lontano”. Dagli esperti viene definito “raggio (o luce) della vita” o “raggio biogenetico” ovvero generatore di vita; questo perché si tratta di un raggio che giunge sulla Terra dal motore della vita sul nostro pianeta, il Sole. Il FIR è lo spettro della luce solare che viene assorbito dal nostro organismo avviando processi biologici benefici per il nostro corpo. 

Fatto interessante, il corpo umano non solo riesce ad assorbire il FIR ma emana anche questi raggi benefici, come un “piccolo” Sole, disperdendoli nell’ambiente circostante. 

Il FIR e gli effetti sulla salute

Il FIR è un elemento naturale che ci circonda e ci permea, pertanto gli scienziati e i medici hanno studiato a fondo questo dono della natura, scoprendone le eccezionali possibilità e benefici per il corpo umano. La terapia a raggi infrarossi o terapia FIR viene utilizzata da anni per migliorare la salute ed il benessere dell’uomo. 

Spesso vengono usati come termoterapia, ovvero una terapia che utilizza il calore per riscaldare più o meno profondamente alcune regioni del corpo, applicata localmente o per via generale; oppure come terapia decontratturante ed antalgica non invasiva che permette di ottenere un migliore rilassamento muscolare prima di effettuare un massaggio. 

Il calore emesso dai raggi FIR ad una temperatura costante, promuove una migliore circolazione e ossigenazione dei tessuti migliorando il metabolismo cellulare, inoltre il calore modula i segnali neuronali diretti al cervello riducendo in tal modo, il dolore. 

Come funziona la tecnologia FIR e quali sono i benefici

Il processo è puramente naturale, il corpo umano reagisce in maniera autonoma all’interazione con il raggio infrarosso. Penetrando nel nostro sistema vitale i raggi FIR generano un effetto riscaldante, ne consegue una dilatazione dei vasi capillari, un aumento della circolazione sanguigna, un’attivazione del metabolismo dei tessuti e delle cellule. 

L’aumento del flusso sanguigno, che fa seguito alla vasodilatazione, fa pervenire nei tessuti una maggiore quantità di sostanze nutritizie, ossigeno, globuli bianchi ed anticorpi e facilita la rimozione dei cataboliti dai tessuti. 

L’esposizione al FIR facilita ed agevola la guarigione di tutte quelle patologie legate alle articolazioni (artriti e artrosi), ai tendini (tendiniti) ed ai muscoli (tensioni, contratture ecc.) accorciando così il tempo di guarigione e risultando nel contempo un ottimo analgesico naturale. Per uso terapeutico è indicata non solo in caso di contratture, dolori muscolari e reumatici, ma anche per affezioni ad orecchio, naso e gola e tutte quelle affezioni che necessitano di calore. 

Utilizzi della Tecnologia FIR

La terapia FIR funziona quando il corpo umano entra in contatto con il raggio infrarosso. Ciò può avvenire attraverso: 

irradiazione artificiale: mediante lampade a tecnologia FIR, saune a raggi infrarossi o incubatrici per neonati;

rifrazione attraverso minerali naturali: tessuti in microfibra a tecnologia FIR 

Senza dubbio sia che si utilizzi il metodo dell’irradiazione artificiale della rifrazione o attraverso l’utilizzo, sicuramente più pratico, di tessuti – come abbigliamento, accessori, materassi o guanciali – la tecnologia FIR ha eccellenti benefici sul corpo umano.

È efficace per gestire alcune patologie quali: artrite, spasmi muscolari, edema, ipertensione, malattie coronariche e produzione di collagene.

La Tecnologia FIR presenta delle controindicazioni?

Come detto il raggio FIR è una radiazione benefica naturale con cui conviviamo ma che l’occhio non percepisce: il sole emette radiazioni infrarosse, ma anche tutti i corpi caldi come il fuoco del camino o una stufa in pietra. Per questo i raggi infrarossi non hanno alcuna controindicazione.