Il Ministro Speranza autorizza lo scorrimento delle graduatorie

Il Ministro della Salute Roberto Speranza annuncia su Facebook di aver presentato l’emendamento per ridurre il precariato e di aver autorizzato lo scorrimento delle graduatorie valide

“Abbiamo depositato l’emendamento alla manovra che autorizza lo scorrimento delle graduatorie per gli idonei del comparto sanità.

Ora è più facile immettere medici, infermieri, professionisti nel Servizio Sanitario Nazionale perché:

1. Ci sono finalmente più risorse (2 miliardi in più di fondo).

2. Abbiamo cambiato le regole del tetto di spesa sul personale (non più 5% ma fino al 15% sulla quota aggiuntiva di fondo).

3. con lo scorrimento delle graduatorie possiamo più rapidamente combattere la carenza di personale”.

Abbiamo depositato l’emendamento alla manovra che autorizza lo scorrimento delle graduatorie per gli idonei del comparto…Gepostet von Roberto Speranza am Sonntag, 8. Dezember 2019
Purtroppo assistiamo in queste ore ad una bagarre tra idonei alle graduatorie (non vincitori di concorso, ricordiamolo!) e precari in attesa di stabilizzazione.

Sarà quindi ridimensionato il fenomeno del precariato in sanità? Medici, infermieri, oss e tutti gli operatori della sanità si augurano di si! Finalmente un po’ di luce dopo anni di tagli lineari che hanno falcidiato la sanità italiana? Restiamo fiduciosi…

Redazione Nurse Times
L’articolo Il Ministro Speranza autorizza lo scorrimento delle graduatorie scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.

Il movimento degli “Idonei graduatorie sanitarie Calabria” delusi dal Ministro Speranza

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del movimento del personale sanitario “Idonei graduatorie sanitarie Calabria” che attraverso la propria pagina Facebook fanno arrivare al Ministro della Salute Speranza tutta la loro delusione per l’annuncio dell’emendamento in favore dei precari (Vedi articolo)

“Oggi 7/12/2019 l’emendamento sposta i termini della legge Madia al 30 giugno 2019 che stabilizzerà così tutti i lavoratori precari che hanno raggiunto entro quella data i 36 mesi. Siamo delusi dalle parole del ministro Speranza, con questo emendamento si affossano le speranze degli idonei delle graduatorie.

In Calabria sono presenti tante Graduatorie di tante figure sanitarie, da settembre abbiamo assistito all’illegalità pura dove il commissario ad acta, messo apposta dal governo nazionale, si è reso complice degli affari sporchi che hanno portato a questa decisione: stabilizzare il personale precario, la giustificazione è la carenza di personale e scongiurare il taglio dei posti letto ma abbiamo capito che sono tutte scuse perché fino al 30 settembre tutti richiedevano personale, il primo di ottobre la struttura commissariale emana il DCA 135 dando alla nostra regione 429 assunzioni, solo Asp Vibo Valentia ha assunto 43 figure oss da DCA dalla propria Graduatoria e poi solo alcuni medici sono stato reclutati da questo DCA lasciando così posti che potevano essere occupati con lo scorrimento Graduatorie.

Abbiamo visto che l’ospedale di Cosenza in balia della situazione Precari cooperative vuole portare a termine il proprio Concorso Oss e anche il policlinico Materdomini vuole portare avanti il concorso Infermieri e Oss fregandosene altamente che ci sono in Calabria oltre 300 Infermieri e oltre 400 Oss, in una regione Commissariata e in piano di rientro indire nuovi Concorsi non è certo la situazione ideale.

In tutto questo il commissario ad acta non fa valere la propria posizione anzi si è seduto al tavolo del dipartimento tutela della salute della regione Calabria facendosi “strattonare” dalla parte della cattiva gestione delle politiche sanitarie, siamo profondamente DELUSI da questo suo comportamento e chiediamo a gran VOCE al ministro Speranza il sollevamento dall’incarico per palese incapacità nel dirigere le situazioni della nostra sanità.

Abbiamo assistito a tanti fenomeni di ILLEGALITÀ, è stata fatta una legge regionale salva Precari finita nel dimenticatoio per palese incostituzionalità, abbiamo assistito ad atti di TERRORISMO dove un gruppo di lavoratori Precari già licenziati dopo aver fatto 48 mesi, hanno portato benzina in un luogo pubblico creando caos e disordini, ora leggiamo di questo emendamento che può creare un precedente assurdo e spezzare le ali a chi a superato un concorso stroncando definitivamente poi ogni possibilità di entrare nel mondo del lavoro.

Siamo disgustati da tutto ciò noi IDONEI GRADUATORIE SANITARIE e per questo chiediamo Giustizia e vogliamo in primis lo scorrimento di tutte le graduatorie sanitarie Calabresi così da poter soccombere alla carenza di personale e ribadiamo al Ministro della salute Speranza di sollevare dal suo incarico il commissario ad acta perché ormai sta mangiando nel tavolo della mala politica Calabrese. SCORRIMENTO DELLE GRADUATORIE E PREPARARE I FABBISOGNI ENTRO IL 31 DICEMBRE PER POTER ASSUMERE CHI HA SUPERATO UN CONCORSO, Invece ora con questo emendamento e stato premiato chi ha usato la BENZINA”.

Redazione Nurse Times
L’articolo Il movimento degli “Idonei graduatorie sanitarie Calabria” delusi dal Ministro Speranza scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.

La Fials annuncia la rottura delle relazioni Sindacali con USL Imola, attivazione Prefetto e Sciopero Generale

La Fials annuncia la rottura delle relazioni Sindacali con USL Imola, attivazione Prefetto e Sciopero Generale

Riceviamo e pubblichiamo la nota della Fials della Provincia di Bologna che annuncia la rottura della Relazioni Sindacali con l’azienda sanitaria di Imola

“FIALS, Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità, Provincia di Bologna, Sigla Sindacale maggiormente rappresentativa a livello nazionale e firmataria del CCNL, aderente alla Confederazione Sindacale CONFSAL che conta su l’intero territorio nazionale oltre 1.000.000 di iscritti e nella sola Provincia di Bologna oltre 2.600 iscritti confermandosi il primo sindacato rappresentativo dei lavoratori della sanità provinciale, a trasmettere con nota in allegato comunicato stampa riguardante la rottura delle relazioni sindacali con Azienda USL Imola.

L’Azienda dichiara di essere vicina alla copertura del turn-over del 100/120%, ma come spiega gli oltre 1.000.000 di euro spesi per lo straordinario nel 2018, circa la stessa somma per il 2019 per i soli 1.460 dipendenti del comparto?

Basti pensare che le stesse somme sono state evase dall’Ausl Bologna e Sant’Orsola con relativamente circa 6.400 dipendenti la prima e 4.400 l’Azienda Ospedaliera.(in allegato schema spesa fondi 2018/2019).

Numeri che rapportati indicano chiaramente la sofferenza in cui riversano da sempre i dipendenti dell’USL di Imola costretti a doppi turni e continui rientri da riposi e ferie, il tutto architettato per sperperare i fondi dei lavoratori e tutelare il risparmio del bilancio aziendale, semplicemente non integrando adeguatamente la cronica carenza degli organici con sufficiente personale.Abbiamo già intrapreso uno stato di agitazione con relativa procedura di raffreddamento/conciliazione in Prefettura a Bologna per la quale è previsto l’incontro per il giorno 16 dicembre.

In programma uno sciopero generale di 24 ore sotto le Due Torri, che coinvolgerà i circa 14.000 dipendenti del comparto di tutte e 4 le Aziende Sanitarie dell’area Metropolitana con un potenziale blocco delle principali prestazioni sanitarie”.

Redazione Nurse Times

Allegato

Rottura-relazioni-sindacali-USL-Imola
L’articolo La Fials annuncia la rottura delle relazioni Sindacali con USL Imola, attivazione Prefetto e Sciopero Generale scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.

L’auto si cappotta, vittime dell’incidente girano video da pubblicare su TikTok anziché chiamare i soccorsi

La vicenda di due ragazze vittime di un incidente stradale che, anziché chiamare immediatamente i soccorsi sanitari, hanno preferito girare un video da pubblicare sui social ha suscitato indignazione in migliaia di utenti.
Le adolescenti al volante della vettura cappottata e praticamente distrutta, sono miracolosamente rimaste illese.
Le protagoniste del breve filmato sono state Marissa Brodas e Katie Cornette. Il video musicale che le ritrae sorridenti in stato di euforia è stato pubblicato sul popolare social network cinese Tik Tok, particolarmente amato dai teenager di tutto il mondo.
Il post ha generato migliaia di commenti di utenti offesi dal filmato demenziale, considerato una mancanza di rispetto verso chi ha perso la vita in un incidente stradale.
Simone Gussoni
L’articolo L’auto si cappotta, vittime dell’incidente girano video da pubblicare su TikTok anziché chiamare i soccorsi scritto da Simone Gussoni è online su Nurse Times.