Mancano medici specialisti in Valle d’Aosta: aumenti di 600 euro al mese per incentivarli a restare

Mancano i medici specialisti in Valle d’Aosta, per questo la Regione ha deciso di proporre un aumento in busta paga di 600 euro lordi. 

Ad accentuare la situazione sarebbero i costanti esodi oltralpe con destinazione finale Svizzera. Allo stato attuale mancherebbero 49 camici bianchi e a rendere più semplici l’abbandono del Bel Paese avrebbe contribuito anche la maggiore tolleranza temporale riguardo allo svolgimento dell’esame di conoscenza del francese, che i medici devono comunque sostenere per poter esercitare in Valle. Tutte queste misure sono contenute in un disegno di legge varato alcuni giorni fa dalla Giunta regionale.

Un ulteriore incentivo consisterà nella semplificazione delle procedure di ottenimento delle borse di studio di specializzazione: sarà difatti ampliato il requisito di residenza per poter accedere alle borse aggiuntive regionali. 

«Riteniamo che questi interventi – ha spiegato l’assessore alla sanità Mauro Baccega – al momento introdotti in via sperimentale per un periodo di 2 anni, ci permetteranno di rendere più appetibile il nostro territorio da parte di nuovi medici, ben sapendo che la carenza di specialisti è un problema di livello nazionale al quale anche lo Stato deve cercare di porre rimedio».

Simone GussoniL’articolo Mancano medici specialisti in Valle d’Aosta: aumenti di 600 euro al mese per incentivarli a restare scritto da Simone Gussoni è online su Nurse Times.

Approvato nuovo farmaco per la fibrosi cistica: curerebbe il 90% dei pazienti inclusi gli adolescenti

La statunitense Food and Drug Administration (FDA) ha approvato In data 23 ottobre Trikafta (elexacaftor/ivacaftor/tezacaftor), la prima terapia a tripla combinazione per i pazienti con la mutazione più comune della fibrosi cistica

Trikafta è indicato per pazienti di età pari o superiore a 12 anni con fibrosi cistica che presentano almeno una mutazione F508del nel gene del regolatore di conduttanza transmembrana della fibrosi cistica (CFTR).

Un grande traguardo per tutti ma in particolare per gli adolescenti affetti da questa malattia, che prima non avevano opzioni, come dichiarato da Ned Sharpless della FDA: “L’approvazione storica di oggi è una testimonianza di questi sforzi, rendendo disponibile un nuovo trattamento per la maggior parte dei pazienti con fibrosi cistica, compresi gli adolescenti, che in precedenza non avevano opzioni e dando agli altri nella comunità della fibrosi cistica l’accesso a un’ulteriore terapia efficace.”

Trikafta è una combinazione di tre farmaci che prendono di mira la proteina CFTR difettosa, aiutando le proteine prodotte dalla mutazione del gene CFTR a funzionare in modo più efficace. Le terapie attualmente disponibili che colpiscono la proteina difettosa sono opzioni di trattamento per alcuni pazienti con fibrosi cistica, ma molti pazienti hanno mutazioni non ammissibili al trattamento. Trikafta è il primo trattamento approvato efficace per i pazienti con fibrosi cistica di età pari o superiore a 12 anni con almeno una mutazione F508del, che colpisce il 90% della popolazione con fibrosi cistica, circa 27.000 persone negli Stati Uniti.

L’efficacia di Trikafta nei pazienti con fibrosi cistica di età pari o superiore a 12 anni è stata dimostrata in due studi. Il primo studio, di 24 settimane, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, ha coinvolto 403 pazienti con mutazione F508del e una mutazione sul secondo allele che non ha prodotto né una proteina CFTR né una proteina CFTR che non risponde a tezacaftor/ivacaftor o solo ivacaftor. Il secondo studio, durato quattro settimane, randomizzato, in doppio cieco, a controllo attivo, ha coinvolto 107 pazienti con due mutazioni identiche di F508del.

In ogni studio, l’analisi primaria ha esaminato gli aumenti del volume espiratorio forzato previsto in un secondo, noto come ppFEV1, un indicatore consolidato della progressione della malattia polmonare da fibrosi cistica. Con Trikaftaha la media ppFEV1 è aumentata del 13,8% rispetto al basale rispetto al placebo e del 10% rispetto al basale rispetto a tezacaftor/ivacaftor. Nel primo studio, il trattamento con Trikafta ha anche portato a miglioramenti nel cloruro del sudore, nel numero di esacerbazioni polmonari  e nell’indice di massa corporea.

Il profilo di sicurezza di Trikafta si basa sui dati dei 510 pazienti con fibrosi cistica nei due studi. Il profilo di sicurezza era generalmente simile in tutti i sottogruppi di pazienti. Le reazioni avverse gravi al farmaco che si sono verificate più frequentemente nei pazienti in trattamento con Trikafta rispetto al placebo sono state eventi di eruzione cutanea e influenza. Le reazioni avverse al farmaco più comuni includevano mal di testa, infezioni del tratto respiratorio superiore, dolori addominali, diarrea, eruzioni cutanee, aumento degli enzimi epatici (alanina aminotransferasi e aspartato aminotransferasi), congestione nasale, aumento della creatina fosfochinasi nel sangue, rinorrea, rinite, influenza, sinusite e aumento della bilirubina nel sangue.

La FDA ha concesso questa revisione prioritaria dell’applicazione, oltre alla designazione di Fast Track e Breakthrough Therapy. Trikafta ha anche ricevuto la designazione di farmaco orfano, che fornisce incentivi per assistere e incoraggiare lo sviluppo di farmaci per le malattie rare.

Redazione Nurse Times

Fonte: Aifa.it
L’articolo Approvato nuovo farmaco per la fibrosi cistica: curerebbe il 90% dei pazienti inclusi gli adolescenti scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.