Eccezionale intervento chirurgico al Mazzoni di Ascoli grazie ai medici, infermieri e tecnici

Lo scorso martedì 7 Ottobre sulle pagine del quotidiano “Corriere Adriatico” è apparso un articolo scritto dal giornalista Nino Orrea che trattava l’eccezionale intervento chirurgico eseguito magistralmente presso l’Ospedale provinciale Mazzoni di Ascoli Piceno da un’equipe multidisciplinare costituita da chirurghi generali, urologi, radiologi interventisti, ginecologi ed anestesisti.

Vengono riportati nel dettaglio i nomi di tutti i professionisti medici, nonché descritto l’excursus del paziente e la cronistoria dell’eccezionale intervento. Al contrario nessuna menzione viene dedicata ai professionisti laureati non medici che fanno di certo parte dell’equipe multidisciplinare summenzionata e che partecipa attivamente a tutte le procedure ed alle attività, a fianco dei colleghi medici. Parliamo degli infermieri e dei tecnici (di radiologia in questo caso).

Gli infermieri Specialisti di sala Operatoria (infermieri strumentisti, infermieri di anestesia) sono figure specializzate e con percorsi formativi che prevedono Laurea, Master e corsi di aggiornamento costante altamente professionalizzanti, hanno loro società scientifiche di riferimento!

Inoltre tra i mandati del professionista
infermiere c’è l’educazione sanitaria e la valorizzazione della professione.

Per questo motivo è nostra intenzione portare a conoscenza di tutti coloro che non lo sapessero, in primis all’autore dell’articolo, questo non trascurabile dettaglio.

Le attività chirurgiche in sala operatoria sono complesse e sempre caratterizzate dall’esistenza di equipe multidisciplinari che, sul tavolo operatorio, orchestrano i vari interventi.

I professionisti specializzati chiamati a prestare la propria opera sono medici, infermieri e tecnici: ognuno con il proprio peculiare ruolo e contributo. Ci auspichiamo in futuro di non dover più sottolineare questo aspetto che dovrebbe invece essere ovvio e scontato. Siamo tuttavia a disposizione di qualsiasi eventuale chiarimento, rettifica e delucidazione.

Redazione Nurse Times
L’articolo Eccezionale intervento chirurgico al Mazzoni di Ascoli grazie ai medici, infermieri e tecnici scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.

Denunciato per esercizio abusivo della professione medica Panzironi per la sua dieta che permette di vivere fino a 120 anni

Sarà processato per esercizio abusivo della professione medica Adriano Panzironi, giornalista che promette di far vivere le persone fino all’età di 120 anni grazie ad un regime alimentare a base di proteine e integratori realizzato insieme al fratello.

Secondo il guru, questa particolare “dieta” sarebbe in grado di guarire pazienti affetti da cancro, diabete, glaucoma ed ogni malattia Panzironi ora rischia fino a 3 anni di carcere, insieme al fratello Roberto, anch’esso imputato per gli stessi reati.

I due producono insieme gli integratori che servono per portare avanti lo stile di vita Life120, pubblicizzato nel programma televisivo “Il cercasalute” che lo stesso Panzironi autoproduce.

Ma per il pm Francesco Marinaro, Panzironi non è un medico, nè un dietologo, tantomeno uno specializzato in scienze dell’alimentazione. Ecco perché è stato accusato di esercizio abusivo in seguito all’esposto presentato dall’Ordine dei Medici di Roma. 

“Non si può suggerire un regime alimentare senza conoscere una persona, senza averla visitata, senza conoscerne le patologie, senza aver preso visione delle sue analisi. Si possono consigliare alimenti che non sono compatibili con le sue condizioni di salute. Per fortuna abbiamo trovato un giudice che ha accolto la nostra tesi”, ha spiegato Antonio Magi, presidente dell’Ordine romano.

Panzironi è già stato sanzionato dall’Antitrust per “pratiche commerciali scorrette in TV” e successivamente radiato dall’Ordine dei Giornalisti.

Simone GussoniL’articolo Denunciato per esercizio abusivo della professione medica Panzironi per la sua dieta che permette di vivere fino a 120 anni scritto da Simone Gussoni è online su Nurse Times.