Dolore al braccio sinistro Cosa Fare

Dolore al braccio sinistro Cosa Fare

Il dolore al braccio, di solito sul lato sinistro, accompagnato da un senso di soffocamento, nausea e difficoltà respiratorie può essere un sintomo della malattia coronarica o persino di un attacco cardiaco.

Non sempre questi sintomi significano che c’è un infarto in atto. Addirittura un attacco di panico, vedi questo interessante articolo della Psicologa con studio a Roma Claudia De Masi, può essere scambiato per un infarto al miocardio.

Aggiungiamo anche altre cause che vanno dall’infiammazione articolare e lesioni a nervi compressi e traumi. E’ bene dunque capire se stiamo affrontando qualcosa di grave come infarto del miocardio o angina oppure qualcos’altro. Ricordiamo che è sempre meglio eccedere nelle cautele , nel dubbio un medico oppure il pronto intervento se il dolore persiste.

Quando è infarto

se il dolore al braccio sinistro è forte, lancinante, persistente, accompagnato da un senso di soffocamento, nausea, vertigini, senso di oppressione e non è legato ad un colpo subito in quella parte del corpo, ci sono probabilità che ci sia un infarto oppure si tratti di “angina pectoris” un restringimento delle arterie coronariche. In questi casi chiamare subito il 118.

Cause

cause comuni

  • Angina
  • Lesione del plesso brachiale
  • Frattura
  • Polso rotto o mano rotta
  • Borsite
  • Sindrome del tunnel carpale
  • Ernia del disco cervicale nel collo
  • Gomito lussato
  • Meralgia parestetica
  • Ernia iatale
  • Nervo pizzicato
  • Artrite reumatoide
  • Lesione della cuffia dei rotatori
  • Distorsioni e stiramenti
  • tendinite
  • Gomito del tennista
  • Lesione da sforzo ripetitivo
  • Tenosinovite di De Quervain

Il dolore al braccio è di solito causato da una lesione, irritazione o infiammazione dei tendini, dei muscoli, delle ossa o delle articolazioni del braccio, sebbene le attività quotidiane come scrivere, lavorare con gli strumenti, fare sport, sollevare oggetti pesanti o fare esercizio fisico possono portare ad avere dolore.

A volte il dolore al braccio, soprattutto nel polso, può essere attribuito alla sindrome del tunnel carpale, una condizione comune causata da pressione intermittente o compressione in corso del nervo mediano nell’avambraccio. La sindrome del tunnel carpale è dovuta a movimenti ripetitivi di mani, polsi e dita e può causare dolore, intorpidimento e prurito alle braccia, ai palmi e alle dita. I mancini sentiranno spesso il dolore della sindrome del tunnel carpale nel braccio sinistro e i destrorsi lo sentiranno nel braccio destro.

Dolore e rigidità dell’articolazione del gomito e dell’avambraccio, con dolori acuti intermittenti e dolore al gomito, possono essere attribuiti al cosiddetto gomito del tennista, una condizione comune causata dall’infiammazione dei tendini che si attaccano all’articolazione esterna del gomito. Il gomito del tennista è causato da movimenti ripetitivi delle braccia, del gomito e in particolare del polso, ma non è necessario giocare a tennis per ottenerlo. Il gomito del golfista, caratterizzato dal dolore dentro e intorno al gomito interno, è una condizione correlata.

Dolore sordo e paralizzante nella parte superiore delle braccia e delle spalle, combinato con rigidità e libertà di movimento limitata, può essere il segno di un problema alla cuffia dei rotatori della spalla .

Sintomi

I problemi al braccio sono caratterizzati da anomalie o lesioni alla pelle, ai nervi, alle ossa, alle articolazioni, ai vasi sanguigni e ai tessuti molli del braccio e questi possono causare dolore da lieve a grave. Ma il dolore non è l’unico sintomo.

Debolezza, difficoltà a raddrizzare il braccio, formicolio e intorpidimento possono essere sintomi di danni ai nervi. Il nervo radiale sensibile viaggia dall’ascella alla mano e controlla il movimento del braccio, del polso e della mano. I danni al nervo radiale possono essere la fonte del dolore al braccio.

I sintomi che si verificano con il dolore al braccio includono:

  • Rossore
  • Formicolio
  • Intorpidimento
  • Debolezza
  • rigidezza
  • Gonfiore
  • Tenerezza
  • Linfonodi ingrossati sotto il braccio

Trattamento

Le persone con danni ai nervi o nervi compressi nel braccio, nel polso, nel gomito o nella mano devono evitare movimenti ripetitivi e fare pause frequenti.
Se avverti dolore al braccio causato da un uso eccessivo o da sforzo, puoi provare ad alleviare il dolore a casa. Se il braccio, la spalla, il gomito o il polso sono gonfi, applica impacchi di ghiaccio (o un pacchetto di verdure congelate) sull’area e usa un’imbragatura per mantenere fermo il braccio.

Il trattamento per il dolore al braccio dipende dalla causa sottostante e può includere riposo, elevazione, un bendaggio elastico, una stecca o una fionda, impacchi freddi, paracetamolo o farmaci antinfiammatori non steroidei ( FANS ) per il dolore e la chirurgia in casi estremi. Il trattamento aggiuntivo per il dolore al braccio causato dall’infezione può includere impacchi caldi e antibiotici .

Riposo, ghiaccio, antidolorifici ed un trattemento fisioterapeutico possono alleviare il dolore alle braccia in casi non urgenti. Segui questo approccio:

  • Riposo: fai una pausa dalle tue normali attività.
  • Ghiaccio: posizionare un impacco di ghiaccio sulla zona dolente per 15-20 minuti tre volte al giorno.
  • Compressione: utilizzare una benda di compressione per ridurre il gonfiore.
  • Elevazione: elevare il braccio sopra il livello del cuore per ridurre il gonfiore.

Cercare un trattamento di emergenza se il dolore al braccio, alla spalla, al gomito o al polso è il risultato di un grave trauma o si manifesta improvvisamente. Se hai difficoltà a muovere il braccio o vedi ossa sporgenti, consulta immediatamente il medico o vai al pronto soccorso più vicino.

Improvvisi dolori al braccio, alla spalla, al torace o alla schiena, accompagnati da una pressione al torace, possono , come detto, rappresentare un infarto e dovresti chiamare il 118 e cercare immediatamente un trattamento di emergenza. Non guidare da solo verso l’ ospedale se pensi di avere un infarto. In caso di Angina, un vasodilatatore coronarico come il Carvasin, messo sotto la lingua, può salvarvi la vita.

 

Nobel per la fisica a Peebles, Mayor e Queloz

Hanno cambiato la nostra immagine dell’Universo

Hanno aperto la strada ad una nuova visione dell’Universo e per questo l’Accademia reale svedese delle scienze gli ha appena assegnato il premio Nobel per la fisica del 2019. Sono James Peebles, Michel Mayor e Didier Queloz, un cosmologo e due planetologi che hanno cambiato la nostra immagine del Cosmo. Le “scoperte teoriche in fisica cosmologica” di Peebles e la “scoperta di un esopianeta in orbita attorno a una stella di tipo solare” di Mayor e Queloz hanno contribuito a indagare su questioni fondamentali per la nostra esistenza. Per questo tra i tre astrofisici sarà ripartita l’onoreficenza istituita nel 1895 dal chimico svedese Alfred Bernhard Nobel.

Cosa è successo nei primi momenti di vita dell’Universo, e cosa è successo subito dopo? E’ questo l’interrogativo a cui ha cercato di dare risposta James Peebles, 84 anni, canadese, dell’Università americana di Princeton. Per il suo contributo alla radiazione cosmica di fondo, ossia la traccia di cosa avvenne dopo il Big bang, riceverà la metà del premio. Sottesa alla sua ricerca, la consapevolezza che la materia da noi conosciuta equivale ad appena il 5% dell’Universo mentre il restante 95% sarebbe costituito dalla materia oscura e dall’energia oscura. Ad oggi, la grande sfida della fisica contemporanea risiede nella natura di questi oggetti misteriosi.

La scoperta dei primi pianeti esterni al Sistema solare è valsa metà del premio agli svizzeri Michel Mayor e Didier Queloz. Mayor, 77 anni, ha insegnato nell’Università di Ginevra. Con il cinquantatreenne Queloz, proveniente dalle università di Ginevra e Cambridge, ha scoperto nel 1995 il primo pianeta esterno al Sistema solare. Il gigante gassoso simile a Giove, 51 Pegasi b, in orbita intorno alla stella 51 Pegasi, ha aperto la porta ai mondi extrasolari e ha decretato la fine dell’unicità del nostro Sistema solare. Da allora sono oltre 4.000 gli esopianeti entrati nel novero, anche grazie ai telescopi a terra, ai telescopi spaziali come Hubble e ai cacciatori di pianeti Kepler e Tess.

“Il Nobel assegnato oggi è un altro risultato straordinario che premia la ricerca sull’Universo” ha osservato Giorgio Saccoccia, Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana “un settore nel quale l’Italia è da sempre impegnata da protagonista. È fondamentale continuare a impegnarsi in questo campo”.

“E’ un modo per ricordarci che la ricerca sull’universo non è importante solo dal punto di vista scientifico, ma può avere anche un impatto sul miglioramento dell’economia e dello sviluppo industriale“, ha detto il ministro per l’Istruzione, Università e Ricerca Lorenzo Fioramonti a margine della presentazione dell’Expoforum europeo dedicato alla Space economy. Per il ministro un esempio dell’impatto che la ricerca sull’Universo può avere sull’economia e lo sviluppo è la costruzione della più grande rete di radiotelescopi del mondo, Square Kilometre Array, “di cui l’Italia è capofila“.

The post Nobel per la fisica a Peebles, Mayor e Queloz appeared first on ASI.

Concorso per 7 ostetriche presso le Asl Roma 6 e 4. Al via le domande

Concorso pubblico per titoli ed esami, indetto in qualità di azienda capofila, per la copertura di n. 7 posti di collaboratore professionale sanitario ostetrica – categoria D – da assegnare alla Asl Roma 4 ed alla Asl Roma 6

In esecuzione della Deliberazione del Direttore Generale della ASL ROMA 6 n. 650 del 04.07.2019 nonché di quanto previsto dal Protocollo d’Intesa redatto in data 10 Aprile 2019 tra le ASL ROMA 4, ROMA 5 e ROMA 6, la ASL ROMA 6 in qualità di Azienda Capofila indìce, tra gli altri, Concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura di n. 7 posti di Collaboratore Professionale Sanitario Ostetrica – Categoria D – da assegnare rispettivamente alla ASL ROMA 4 ed alla ASL ROMA 6, come di seguito riportato:

Azienda Capofila: ASL ROMA 6; aziende aggregate ASL ROMA 4.

Posti da coprire – C.P.S. Ostetrica:

ASL ROMA 4, n. 2 posti;ASL ROMA 6, n. 5 posti.Le Domande di partecipazione al Concorso pubblico di cui al presente bando dovranno essere presentate esclusivamente in forma telematica connettendosi al sito aslroma6.concorsismart.it .

Nella domanda andrà indicata la preferenza per la ASL di destinazione in ordine decrescente, da scegliere tassativamente nell’ambito delle Aziende ASL ROMA 4, ASL ROMA 5 E ASL ROMA 6. Non è possibile modificare le preferenze espresse dopo il termine di presentazione della domanda.

Pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio n. 75 del 17/09/2019. Pubblicato sulla G.U. n.80 del 08-10-2019, scade il 7 novembre 2019.

Redazione Nurse Times

Allegato

Bando Concorso pubblico Ostetrica (pag. 564)
L’articolo Concorso per 7 ostetriche presso le Asl Roma 6 e 4. Al via le domande scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.

Pavia, gli infermieri regalano una libreria ai piccoli pazienti di Pediatria

Bella iniziativa dell’Ordine provinciale. L’obiettivo è sensibilizzare i bimbi alla lettura, rendendo più piacevole la loro degenza.

In una delle
sale d’aspetto della Pediatria dell’ospedale
San Matteo di Pavia è comparsa ieri
pomeriggio una piccola libreria per
bimbi da zero a sei anni. L’ha promossa Opi Pavia con la collaborazione della libreria Giunti al Punto di
Parona, che ha fornito gratuitamente 117 volumi.

«Ne metteremo una anche al Mondino e
all’ospedale di Vigevano – spiega Luigia Belotti, presidente dell’Ordine-. L’obiettivo è
sensibilizzare i bimbi alla lettura e rendere più piacevole il loro soggiorno in
ospedale. La posizione è stata individuata con il Sitra e la Pediatria: è un
luogo di attesa, ma anche di passaggio per i bimbi dei reparti».

All’inaugurazione,
oltre alle studentesse e future infermiere pediatriche, sono intervenuti il
presidente del San Matteo, Alessandro
Venturi, e il primario di Pediatria, Gian
Luigi Marseglia. «Un altro passo
– ha spiegato quest’ultimo – per un
ospedale a misura di bambino. L’istituzione fa molto, ma le associazioni danno
un contributo indispensabile».

Redazione Nurse Times

Fonte: la Provincia

L’articolo Pavia, gli infermieri regalano una libreria ai piccoli pazienti di Pediatria scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.

Asl Latina: concorso per la stabilizzazione di 145 infermieri

Procedura concorsuale riservata ai sensi dell’art. 20, comma 2, del d.lgs. 75/2017 per la copertura a tempo indeterminato e a tempo pieno per il profilo professionale di: collaboratore professionale sanitario – infermiere

In esecuzione della Deliberazione n. 460 del 17/05/2019, è
indetta la procedura finalizzata alla stabilizzazione del personale precario,
in applicazione delle disposizioni di cui all’art. 20, comma 2, del D.lgs. n.
75/2017, per la copertura di n. 145 posti complessivi, con rapporto di lavoro
subordinato a tempo indeterminato e a tempo pieno, dei posti afferenti al
profilo professionale di Collaboratore Professionale Sanitario – Infermiere.

b) Requisiti Specifici previsti dall’art 20, comma 2, del D.
Lgs. n. 75/2017 Possono partecipare al concorso esclusivamente coloro che
possiedono, entro la data di scadenza del termine di partecipazione, i seguenti
requisiti:

risulti titolare di un contratto di lavoro
flessibile, successivamente alla data di entrata in vigore della legge n.
124/2015 (28 agosto 2015) presso l’Azienda Sanitaria di Latina, con esclusione
di quelli di somministrazione presso pubbliche amministrazioni;aver maturato, alla data del 31 dicembre 2017,
almeno tre anni di contratto, anche non continuativi, negli ultimi otto anni
presso l’ASL di Latina o anche presso diverse amministrazioni del Servizio
Sanitario Nazionale: ciò per il personale medico, “dirigenziale e no”, tecnico
professionale e infermieristico. Si precisa che la maturazione del requisito di
anzianità presso la ASL di Latina e le diverse amministrazioni del SSN si
riferisce esclusivamente al personale sanitario dei profili di che trattasi.I titoli di studio posseduti, nonché i requisiti specifici richiesti per l’ammissione al concorso cui si intende partecipare e pertanto di:

risultare titolare, successivamente alla data del 28 agosto 2015, di un contratto di lavoro flessibile presso l’ASL di Latina; di aver maturato, alla data del 31 dicembre 2017, almeno tre anni di contratto di lavoro flessibile, anche non continuativi, negli ultimi otto anni presso l’Azienda Sanitaria di Latina o anche presso altre amministrazioni del Servizio Sanitario Nazionale (per il personale Medico, “dirigenziale e no” tecnico professionale e infermieristico);LA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL CONCORSO, DEVE ESSERE PRODOTTA TRAMITE PROCEDURA TELEMATICA, entro il trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione dell’estratto del presente Bando nella Gazzetta Ufficiale. Pubblicato sul B.U.R. Lazio n. 81 del 8/10/2019. In attesa della pubblicazione sulla G.U. seguiteci su www.nursetimes.org per avere tutti gli aggiornamenti.

Redazione Nurse Times

Allegato

Bando concorso pubblico di infermieri (pag. 255)
L’articolo Asl Latina: concorso per la stabilizzazione di 145 infermieri scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.