Nettuno: è l’ottavo pianeta dal Sole

Nettuno: è l’ottavo pianeta dal Sole

Nettuno

Nettuno è l’ottavo pianeta dal Sole e il quarto più grande (per diametro). Nettuno ha un diametro inferiore ma una massa maggiore di Urano .

Profilo del pianeta Nettuno

orbita : 4.504.000.000 km (30.06 AU ) dal

diametro del Sole : 49.532 km (equatoriale)

massa : 1.0247e26 kg

Storia di Nettuno

Nella mitologia romana Nettuno (in greco: Poseidone ) era il dio del mare.

Dopo la scoperta di Urano, si notò che la sua orbita non era come dovrebbe essere in conformità con le leggi di Newton .

Si prevedeva quindi che un altro pianeta più distante dovesse turbare l’orbita di Urano.

Nettuno fu osservato per la prima volta da Galle e d’Arrest il 23 settembre 1846 molto vicino ai luoghi previsti in modo indipendente

da Adams e Le Verrier dai calcoli basati sulle posizioni osservate di Giove ,

Saturno e Urano. Sorse una disputa internazionale tra inglese e francese (anche se non apparentemente tra Adams e Le Verrier)

sulla priorità e sul diritto di nominare il nuovo pianeta; ora sono accreditati congiuntamente alla scoperta di Nettuno.

Osservazioni successive hanno dimostrato che le orbite calcolate da Adams e Le Verrier si discostano abbastanza rapidamente dall’orbita effettiva di Nettuno.

Se la ricerca del pianeta fosse avvenuta qualche anno prima o dopo non sarebbe stata trovata da nessuna parte vicino alla posizione prevista.

 

Più di due secoli prima, nel 1613, Galileo osservava Nettuno quando si trovava molto vicino a Giove,

ma pensava che fosse solo una stella. Per due notti successive notò che si muoveva leggermente rispetto a un’altra stella vicina.

Ma nelle notti successive era fuori dal suo campo visivo. Se l’avesse visto nelle notti precedenti, il movimento di Nettuno gli sarebbe stato ovvio.

Ma, ahimè, i cieli nuvolosi hanno impedito le osservazioni in quei pochi giorni critici.

 

Nettuno è stato visitato da un solo veicolo spaziale, il Voyager 2 il 25 agosto 1989.

Gran parte di noi sappiamo di Nettuno viene da questo singolo incontro.

Ma fortunatamente, anche le recenti osservazioni a terra e HST hanno aggiunto molto.

 

Poiché l’orbita di Plutone è così eccentrica, a volte attraversa l’orbita di Nettuno rendendo Nettuno il pianeta più distante dal Sole per alcuni anni.

 

La composizione di Nettuno è probabilmente simile a quella di Urano: vari ” ghiacci ” e roccia con circa il 15% di idrogeno e un po ‘di elio.

Come Urano, ma a differenza di Giove e Saturno, potrebbe non avere una distinta stratificazione interna ma piuttosto essere più o meno uniforme nella composizione.

Ma molto probabilmente c’è un piccolo nucleo (circa la massa della Terra) di materiale roccioso.

La sua atmosfera è principalmente idrogeno ed elio con una piccola quantità di metano.

 

Il colore blu di Nettuno è in gran parte il risultato dell’assorbimento della luce rossa da parte del metano nell’atmosfera,

ma c’è qualche cromoforo aggiuntivo non ancora identificato che conferisce alle nuvole la loro ricca tinta blu.

 

Come un tipico pianeta gassoso , Nettuno ha venti rapidi limitati a bande di latitudine e grandi tempeste o vortici.

I venti di Nettuno sono i più veloci nel sistema solare, raggiungendo i 2000 km / ora.

 

Come Giove e Saturno, Nettuno ha una fonte di calore interna: irradia più del doppio dell’energia che riceve dal Sole.

 

Al momento dell’incontro di Voyager, la caratteristica più importante di Nettuno era il Great Dark Spot (a sinistra) nell’emisfero meridionale .

Era circa la metà delle dimensioni della Grande Macchia Rossa di Giove (circa dello stesso diametro della Terra).

I venti di Nettuno soffiavano verso ovest la Grande Macchia Oscura a 300 metri / secondo (700 mph).

Voyager 2 vide anche una piccola macchia scura nell’emisfero meridionale e una piccola nuvola bianca irregolare che zip intorno a Nettuno ogni 16 ore circa,

ora conosciuta come “Lo scooter” (a destra). Potrebbe essere un pennacchio che sale dal basso nell’atmosfera ma la sua vera natura rimane un mistero.

 

Tuttavia, le osservazioni HST di Nettuno (a sinistra) nel 1994 mostrano che il Great Dark Spot è scomparso!

Si è semplicemente dissipato o è attualmente mascherato da altri aspetti dell’atmosfera.

Alcuni mesi dopo HST scoprì un nuovo punto oscuro nell’emisfero settentrionale di Nettuno.

Ciò indica che l’atmosfera di Nettuno cambia rapidamente, forse a causa di lievi variazioni delle differenze di temperatura tra le cime e il fondo delle nuvole.

 

Nettuno ha anche anelli . Le osservazioni sulla Terra hanno mostrato solo archi deboli invece di anelli completi,

ma le immagini di Voyager 2 hanno mostrato che erano anelli completi con ciuffi luminosi.

Uno degli anelli sembra avere una curiosa struttura attorcigliata (a destra).25

 

Come Urano e Giove, gli anelli di Nettuno sono molto scuri ma la loro composizione è sconosciuta.

 

Agli anelli di Nettuno sono stati dati nomi: il più esterno è Adams (che contiene tre archi prominenti ora chiamati Liberty, Uguaglianza e Fraternità),

il successivo è un anello anonimo co-orbitale con Galatea, quindi Leverrier (le cui estensioni esterne sono chiamate Lassell e Arago), e infine il debole ma ampio Galle.

 

Il campo magnetico di Nettuno è, come quello di Urano, stranamente orientato e probabilmente generato da movimenti di materiale conduttivo (probabilmente acqua) nei suoi strati intermedi.

 

3può essere visto con il binocolo (se sai esattamente dove cercare) ma è necessario un grande telescopio per vedere qualcosa di diverso da un minuscolo disco.

Esistono diversi siti Web che mostrano l’attuale posizione di Nettuno (e degli altri pianeti) nel cielo, ma per trovarlo saranno necessari grafici molto più dettagliati.

Tali grafici possono essere creati con un programma planetario .

Si celebra oggi la Giornata mondiale del Cuore

La Giornata mondiale del Cuore, che la World Heart Federation celebra oggi 29 settembre, è dedicata anche quest’anno alla promozione di scelte e stili di vita salutari per l’individuo e per la comunità

Come sottolinea lo slogan “My hearth. Your hearth” (“Il mio cuore, il tuo cuore”). La call to action dedicata a tutti è “Diventa un eroe del cuore”, per farlo bastano tre passaggi:

fai una promessa per il tuo cuore controllando la pressione, smettendo di fumare, mangiando cibo sano e incrementando l’attività fisicacondividi la tua promessa e fai da esempio per gli altri creando il tuo poster da condividere sui socialmantieni la promessa.Le malattie cardiocerebrovascolari

Con quasi 18 milioni di decessi annui, le malattie cardiocerebrovascolari (Mcv) sono la prima causa di morte nel mondo. Anche nel nostro Paese, ad oggi, esse rappresentano la più importante causa di mortalità, morbosità e invalidità, nonostante siano fra le patologie cronico-degenerative quelle che meglio si conoscono in termini di fattori di rischio e per le quali sono disponibili interventi di prevenzione primaria su stili di vita e trattamenti farmacologici. Chi sopravvive a una forma acuta, diventa un malato cronico con notevoli ripercussioni sulla qualità della vita e sui costi economici e sociali che la società deve affrontare.

Inoltre i fattori di rischio e le malattie cardiovascolari sono fra i maggiori determinanti delle malattie legate all’invecchiamento, producendo disabilità fisica e disturbi della capacità cognitiva.

Nel nostro Paese, la mortalità per le malattie ischemiche del cuore continua a colpire quasi il doppio degli uomini rispetto alle donne.

In particolare, nel 2016, si sono registrati 12 decessi ogni 10.000 abitanti uomini e circa 6 decessi ogni 10.000 abitanti donne. Si conferma un trend in discesa dal 2003, in entrambi i generi, in tutte le classi di età e in tutte le Regioni.

I fattori di rischio cardiovascolare si dividono in modificabili (attraverso cambiamenti dello stile di vita o mediante assunzione di farmaci) e non modificabili.

Quest’ultimi sono: l’età (il rischio aumenta progressivamente con l’avanzare dell’età, il sesso (gli uomini sono più a rischio delle donne, anche se nelle donne aumenta sensibilmente dopo la menopausa) e la familiarità (parenti con eventi cardiovascolari in età giovanile, meno di 55 anni negli uomini e di 65 nelle donne).

I fattori di rischio modificabili sono: l’abitudine al fumo, la pressione arteriosa, i livelli di colesterolemia, il diabete non correttamente monitorato.

Proprio in virtù dei fattori di rischio modificabili, le Mcv si possono prevenire e contrastare in modo efficace. Ecco, dunque, dieci raccomandazioni per preservare la salute del proprio cuore:

1) smetti di fumare e modera il consumo di alcol

2) mangia cibo sano

3) mangia in modo corretto: 2-3 porzioni al giorno tra frutta e verdura, pesce almeno 2 volte la settimana, pochi insaccati e formaggi, dolci non più di 2 volte a settimana, bibite zuccherate meno di una a settimana

4) usa il sale con moderazione: meno di 5 grammi al giorno, come raccomanda l’Oms

5) svolgi regolarmente attività fisica

6) controlla la pressione arteriosa

7) segui se necessario, secondo le indicazioni del medico, la terapia antiperintensiva

8) controlla periodicamente la colesterolemia totale e Hdl, i trigliceridi, la glicemia

9) aumenta i controlli in gravidanza e in menopausa

10) valuta il tuo rischio cardiovascolare

Abitudini e stili di vita degli italiani

Le Mcv si possono prevenire e contrastare in modo efficace poiché derivano quasi esclusivamente da stili di vita non corretti. È fondamentale quindi aumentarne la consapevolezza e promuovere a livello individuale e comunitario comportamenti e attività che giorno dopo giorno concorrano a migliorare lo stato di salute e a mantenerlo nel tempo. Stili di vita salutari riducono non solo il rischio cardiovascolare ma anche quello di gran parte delle malattie cronico-degenerative.

Non è facile avere stime affidabili degli stili di vita, dei fattori di rischio, delle condizioni a rischio e delle malattie cardiovascolari. Per una valutazione completa del loro impatto, è infatti necessario stimare non solo la quota di eventi acuti (sindromi coronariche acute e ictus), ammessi in ospedale o deceduti prima del ricovero, ma anche l’altra quota, altrettanto importante in termini di salute pubblica, composta da coloro che soffrono di una condizione a rischio o di una forma cronica non necessariamente ospedalizzata. Questi ultimi casi sono identificati solo attraverso indagini specifiche. Infine, per capire la salute di una comunità, è necessario stimare i valori medi dei fattori di rischio e gli stili di vita che sono loro collegati (alimentazione, consumo di alcool, attività fisica, fumo) e anche qui sono necessarie indagini ad hoc, in cui i fattori indagati vengano misurati con metodologie e procedure standardizzate oltre che essere autoriferiti dai pazienti.

Alcuni dati dalle indagini Oec 1998-2002, Oec/Hes 2008-12

I dati sull’andamento degli stili di vita tra le indagini Oec 1998-2002 e Oec/Hes 2008-12 hanno evidenziato che tra i 35 e i 74 anni:

la sedentarietà nel tempo libero è rimasta sostanzialmente stabile per gli uomini (passando dal 34% al 32,3%) e diminuita per le donne (passando dal 46,3% al 41,3%), anche se per queste ultime la situazione è peggiore in quanto la prevalenza di inattività fisica resta superiore al 40%sull’abitudine al fumo i dati raccolti indicano che negli uomini vi è stata una sensibile riduzione della prevalenza dei fumatori correnti (dal 32,3% al 23,8%), mentre nelle donne la riduzione osservata è stata molto esigua (dal 22,5% al 20,1%).Per quanto riguarda le abitudini alimentari, nella Oec/Hes 2008-12 e nella Hes 2018-19 le informazioni sono state raccolte attraverso un questionario “food frequency” (questionario Epic) arricchito da figure per la definizione delle porzioni: Nell’Oec/Hes 2008-2012 è stato riscontrato che:

solo il 30% della popolazione della fascia di età adulta consuma giornalmente una quantità di verdura adeguata (pari a 2-3 porzioni al giorno)un po’ più del 30% consuma pesce almeno 2 volte a settimanasolo il 15% consuma dolci secondo le raccomandazioni (non più di 2 volte a settimana)va invece meglio il consumo raccomandato di frutta e quello adeguato di formaggisono state inoltre osservate importanti differenze di genere nel consumo adeguato di salumi e insaccati e in quello di alcolil 2,7% degli uomini e lo 0,6% delle donne (dato parziale della classe da 0 a 1) non segue nessuna indicazione alimentare correttal’11% degli uomini e il 24 % delle donne presentano un numero di comportamenti alimentari corretti compreso tra 5 e 8.Infine, i partecipanti alle indagini dell’Oec/Hes 2008-2012 e della Hes 2018-2019 hanno effettuato la raccolta delle urine delle 24 ore così da stimare il consumo medio di sodio e potassio:

nell’ambito della Oec/Hes 2008-12 il consumo medio giornaliero di sale è risultato di 10,6 grammi negli uomini e di 8,2 grammi nelle donne, valori ben superiori a quelli raccomandati dall’Oms (meno di 5 grammi di sale al giorno).Il confronto tra l’indagine Oec/Hes 2008-2012 e la Hes 2018-2019 consentirà di valutare se a seguito delle attività di prevenzione realizzate nel Programma Guadagnare Salute a partire dal 2009 ci sia stata una riduzione del consumo di sale nell‘alimentazione degli italiani e, qualora presente, se sia accompagnata a una riduzione media della pressione arteriosa nella popolazione generale adulta).

Infine, attraverso il confronto delle indagini Oec 1998-2002 e Oec/Hes 2008-2012 con i risultati della Hes 2018-19 sarà possibile valutare se si siano o meno verificati cambiamenti riguardo gli stili di vita, i fattori di rischio, la prevalenza di alcune condizioni a rischio cardiovascolare e più in generale delle malattie croniche.

Il Progetto Cuore ha creato un sistema di interrogazione dati on line CuoreData, che mette a disposizione le statistiche principali relative allo stato di salute della popolazione italiana adulta, sulla base di dati raccolti nell’ambito di indagini di popolazione che hanno utilizzato procedure e metodologie standardizzate per la raccolta dei fattori di rischio, delle condizioni a rischio, degli stili di vita e delle malattie coronariche e cerebrovascolari

Rischio cardiovascolare

Grazie agli studi longitudinali di popolazione del Progetto Cuore, nel nostro Paese è stato possibile elaborare il punteggio di rischio cardiovascolare per valutare la probabilità di avere un primo evento cardiovascolare maggiore (infarto o ictus) nei successivi 10 anni sulla base di 8 fattori di rischio (età, sesso, abitudine al fumo, pressione arteriosa sistolica e terapia antipertensiva, colesterolemia totale e Hdl, diabete) e per orientare le persone a una maggiore consapevolezza sul proprio stato di salute e verso scelte più salutari. Questo strumento, semplice e di facile applicazione, purché si utilizzino misurazioni standardizzate, può essere adottato nelle persone di età 35-69 anni che non abbiano avuto un precedente evento cardiovascolare e per le donne che non siano in gravidanza. L’interpretazione dei dati e i suggerimenti che ne derivano è raccomandato siano affidatati a un operatore sanitario.

I risultati mostrano che, a livello di comunità, qualcosa è stato fatto negli anni per ridurre i fattori di rischio (abolizione dell’abitudine al fumo nei locali pubblici, variazione della quantità di sale nel pane e in altri prodotti confezionati) e questo ha portato sicuramente benefici di salute, ma c’è ancora molto da fare nell’ambito della prevenzione. Interventi comunitari e individuali rivolti a semplici cambiamenti degli stili di vita nelle diverse fasce di età, compresa quella avanzata, consentiranno di migliorare lo stato di salute cardiovascolare.

La salute è un bene prezioso e va mantenuta il più a lungo possibile; la prevenzione attraverso gli stili di vita è il miglior mezzo per realizzare tale obiettivo attraverso scelte individuali e collettive; di qui la responsabilità, anche dei Governi, di fare scelte che abbiano la prevenzione come obiettivo primario e coinvolgano l’industria alimentare, il trasporto, la scuola, i circoli e le associazioni, in modo che tutti possano operare scelte consapevoli e accessibili a tutti i livelli socio-economici.

Redazione Nurse Times
L’articolo Si celebra oggi la Giornata mondiale del Cuore scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.

Testimone di Geova muore rifiutando trasfusione:”Mamma sei stata grande. Hai dato una lezione ai medici”

Una vera e propria tragedia si è consumata a Piedimonte Matesa, in provincia di Caserta. Una 70enne testimone di Geova è deceduta dopo avere più volte rifiutato una trasfusione di sangue.

La donna era stata colpita da un’emorragia gastrica che avrebbe potuto essere semplicemente trattata. Ma il credo religioso della famiglia ha più volte impedito ai medici di poter somministrarle alcun emoderivato.

Il figlio ha continuato a ribadire la propria contrarietà anche quando la paziente stessa non è stata più in grado di decidere, a causa dello scadere progressivo del quadro clinico. Al termine di quella che sembrava essere più uno scontro personale tra i medici ed i parenti, la donna è deceduta, tra la rabbia del personale ospedaliero.

Il primario del reparto Gianfausto Iarrobino, si è poi sfogato in un post sul proprio profilo Facebook, raccontando quanto accaduto.

“Oggi sono triste e contemporaneamente incazzato nero – ha scritto nel suo post – Una paziente è venuta meno nel mio reparto perché ha rifiutato una trasfusione di sangue. Era testimone di Geova. L’avrei salvata al 100% ma ha rifiutato ed è morta. I figli ed i parenti solidali con lei. Ho fatto di tutto. Mi sono scontrato con tutti i familiari ma…nulla. Alla fine i figli si sono esaltati dicendo: ‘mamma sei stata grande, hai dato una lezione a tutti i medici ed a tutto il reparto’. 

Mi chiedo: 1) come può una religione ancora oggi permettere un suicidio 2) come è possibile che io deputato per giuramento a salvare le vite umane, sia stato costretto a presenziare e garantire un suicidio assistito?”.

Il drammatico racconto lascia trapelare una crescente svalutazione delle conoscenze dei professionisti della salute, acquisite dopo molti anni di studi universitari e di pratica clinica.

Soli quattro giorni fa si era verificato un caso analogo a Legnano. Una coppia di genitori  testimoni di Geova aveva rifiutato la trasfusione di sangue per la figlia di appena 10 mesi. In quel caso la piccola era stata salvata dall’intervento del Pubblico Ministero.

Simone GussoniL’articolo Testimone di Geova muore rifiutando trasfusione:”Mamma sei stata grande. Hai dato una lezione ai medici” scritto da Simone Gussoni è online su Nurse Times.