Paziente in agitazione psicomotoria devasta ambulanza sfondando vetro a testate. Infermiere costretto alla fuga

L’ambulanza della postazione 118 Carlo III di Napoli è stata vandalizzata da uno dei tanti pazienti bisognosi di aiuto che gli infermieri devono assistere quotidianamente.

Il grave episodio è stato riportato dall’Associazione “Nessuno Tocchi Ippocrate”, sempre a difesa dei professionisti dell’emergenza sanitaria.

Sono da poco trascorse le ore 18, quando l’aggressione n.49 del 2019 si è consumata in Vico Santa Maria delle Grazie, in zona Toledo.

I soccorsi sono stati allertati per uno “stato di ebbrezza alcolica” dai parenti dello stesso paziente, che preoccupati per l’eccessiva assunzione di vino, birra e quant’altro, avrebbero voluto portare il congiunto in ospedale, contro la volontà dello stesso.

L’uomo infatti, dopo essere salito in ambulanza si è alzato dalla barella in maniera fulminea strappando le cinghie della barella incominciando a lanciare i dispositivi presenti sul mezzo e a sferrare pugni al malcapitato infermiere di turno. Fortunatamente il professionista riuscito a sfuggire alle grinfie del paziente, che ha concluso la sua opera sfondando il vetro posteriore dell’ambulanza a testate e dandosi alla fuga.

Simone Gussoni
L’articolo Paziente in agitazione psicomotoria devasta ambulanza sfondando vetro a testate. Infermiere costretto alla fuga scritto da Simone Gussoni è online su Nurse Times.

In PS per diarrea persistente da oltre 20 giorni, malmena gli infermieri del Triage del Loreto Mare

Un’ennesima aggressione si è consumata presso il Pronto Soccorso del Loreto Mare di Napoli. A farne le spese sono stati due infermieri presenti in Triage.
A denunciare il fatto è l’associazione “Nessuno Tocchi Ippocrate”, attraverso la propria pagina Facebook.
L’episodio si è verificato oggi, poco dopo mezzogiorno. I due professionisti sono stati prima insultati e poi malmenati dal figlio di una paziente che si era recato in Pronto Soccorso per una diarrea persistente da oltre 20 giorni.
L’uomo ha prima offeso ripetutamente il personale per poi prendere i due infermieri ripetutamente a calci e pugni, affinché la madre potesse essere visitata subito.
Solo il pronto intervento di numerosi agenti di Polizia ha permesso di riportare la calma in ospedale e di fermare la violenza del parente. L’uomo è stato poi identificato e denunciato per aggressione, minacce, lesioni personali e interruzione di pubblico servizio.
I due infermieri, medicati in pronto soccorso, hanno ricevuto una prognosi di 5 e 10 giorni.
Il problema non sembra però essere destinato a risolversi, considerando che gli accessi al pronto soccorso dell’ospedale Loreto Mare siano in costante aumento, mentre continua a diminuire il personale sanitario dopo l’apertura dell’Ospedale del Mare. Questa condizione comporta tempi di attesa piu lunghi provocando tali episodi.
I dipendenti hanno chiesto un intervento immediato del direttore generale per ripristinare il drappello di Polizia 24 ore su 24 e per 365 giorni all’anno ed il potenziamento del personale sanitario per ottimizzare gli accessi al pronto soccorso.
Simone Gussoni
L’articolo In PS per diarrea persistente da oltre 20 giorni, malmena gli infermieri del Triage del Loreto Mare scritto da Simone Gussoni è online su Nurse Times.

Trasfusione coatta a Testimone di Geova: medico condannato ad un mese di reclusione per violenza privata

Un medico in servizio presso l’ospedale Cimino di Termini Imerese è stato condannato ad un mese di reclusione per aver sottoposto una paziente Testimone di Geova ad una trasfusione di sangue andando contro il suo credo religioso.
“Trattamento eseguito contro la volontà del paziente”. Si dichiara allarmato il presidente dell’Ordine dei medici di Palermo Toti Amato dopo la sentenza che ha condannato ad un mese il primario per il reato di violenza privata.
Il medico è stato giudicato penalmente responsabile per aver effettuato una trasfusione di sangue a una testimone di Geova andando contro la sua volontà.
Il giudice Sabina Raimondo, del Tribunale di Termini Imerese, ha depositato le motivazioni per le quali ha condannato il primario Giovanni Spinnato, dell’ospedale di Termini a un mese per il reato di violenza privata riconoscendo alla paziente anche un risarcimento da 10 mila euro.
Tale circostanza appare come un campanello d’allarme secondo il presidente dell’Ordine dei medici di Palermo Toti Amato.
“Il rifiuto di sangue diventa un fatto drammatico per un medico perché entra in gioco la sua integrità etica. Un fatto non da poco, tanto grave – dichiara Amato – quanto la prima condanna penale emessa in Italia a un medico dopo avere salvato una vita”.

La paziente, una giovane testimone di Geova, aveva all’epoca 24 anni ed era in stato di gravidanza. In seguito ad alcune complicanze cliniche durante il parto, il medico si è rivolto al pubblico ministero per richiedere l’autorizzazione a poter trasfondere la ragazza per poter salvare la sua vita e quella del feto (che dalle indagini risulterà poi essere stato dichiarato morto prima della richiesta al Pm).

Per compierla, però, sarebbe stato “necessario che due infermieri – si legge nella sentenza – immobilizzassero la giovane donna che in lacrime continuava a opporsi a quel trattamento”.

Nel provvedimento emesso lo scorso 6 aprile il giudice ha sottolineato il principio secondo cui debba prevalere la piena libertà di scelta in tema di trattamenti sanitari per chiunque, “anche se tale condotta – aggiunge il giudice – lo esponga al rischio stesso della vita”

“Nel caso di rifiuto manifestato dal paziente a trattamenti terapeutici, non è comunque invocabile dal medico la scriminante dello stato di necessità”.
La 24enne aveva ribadito più volte la sua intenzione mettendo per iscritto il suo rifiuto di subire trasfusioni poiché non compatibili con il suo credo religioso.
Cauto ma in disaccordo il presidente dell’Ordine dei medici di Palermo che. “Fermo restando il diritto di non curarsi costituzionalmente garantito e che, nel conflitto tra coscienza e salute di un paziente che rifiuta una trasfusione di sangue, il medico deve rispettare la scelta dell’ammalato, resta il fatto che sui professionisti incombono i principi di scienza e coscienza, ovvero fare tutto il possibile per salvare un ammalato quando la sua vita è in pericolo. Non conosciamo ancora gli atti processuali della vicenda. L’Ordine – conclude Amato – si riserva di acquisire i documenti a garanzia della paziente e del primario”.

“Anche se riteniamo opportuno astenerci dal commentare nello specifico la sentenza del Tribunale di Termini Imerese – afferma il presidente dell’Acoi, (Associazione chirurghi ospedalieri italiani) Pierluigi Marini – riteniamo doveroso esprimere la nostra solidarietà al collega condannato per aver svolto, secondo scienza e coscienza, il proprio lavoro. E poniamo una domanda: se il decorso della paziente, in caso di assenza di trasfusione o di sostituti, avesse avuto un epilogo diverso, quale sarebbe oggi l’oggetto della discussione? E’ un problema che va risolto in modo chiaro dal punto di vista giuridico e clinico a tutela dei pazienti, dei medici, delle libertà individuali e terapeutiche, ma anche dell’etica, della qualità e della sicurezza delle cure.”
Simone Gussoni
Fonte: PalermoToday
L’articolo Trasfusione coatta a Testimone di Geova: medico condannato ad un mese di reclusione per violenza privata scritto da Simone Gussoni è online su Nurse Times.

Corso ECM gratuito “Metodologia della ricerca clinica nelle aziende sanitarie – 4 edizione”

Evento ECM FAD gratuito per tutte le professioni sanitarie su “Metodologia della ricerca clinica nelle aziende sanitarie – 4 edizione” con 36 crediti erogati
La piattaforma formativa formazione.medmoocs.it (ID Provider 4541) organizza un evento ECM (n° 265268) per tutte le professioni sanitarie.
Responsabile del corso Roberto D’Amico.
Data inizio corso 17/06/2019, data fine 17/12/2019. Durata del corso 24 ore, crediti ECM erogati 36.
Per poter accedere alla piattaforma formativa CLICCARE QUI e seguire tutte le indicazioni. Se si accede per la prima volta al sito devi creare un account (CLICCA QUI).
Buona Formazione a tutti.
 
Redazione NurseTimes
L’articolo Corso ECM gratuito “Metodologia della ricerca clinica nelle aziende sanitarie – 4 edizione” scritto da Giuseppe Papagni è online su Nurse Times.